Connect with us

politica

Ultim’ora. Luigi Di Maio non è più il capo politico del Movimento Cinque Stelle.

Published

on

Luigi Di Maio si è dimesso

L’annuncio di Di Maio era nell’aria. Durante una riunione di circa un’ora con i suoi ministri e sottosegretari, il titolare della Farnesina Luigi Di Maio ha comunicato la sua decisione di lasciare la guida del Movimento Cinque Stelle, almeno fino agli Stati generali del Movimento, che si terranno a marzo.

L’Annuncio

A quel punto Di Maio potrebbe anche decidere di ricandidarsi. L’annuncio ufficiale di questa decisione, presa in un momento critico per il governo e per il M5s, è atteso nel pomeriggio, alle 18, all’evento in cui il Movimento 5 Stelle presenterà i facilitatori regionali.

Il passo indietro

E’ anche una conseguenza delle ‘fughe’ dal Movimento: gli ultimi deputati pentastellati che ieri sono passati al gruppo Misto sono Michele Nitti e Nadia Aprile. Ora si aprono due scenari: la prima ipotesi è che al posto di Di Maio sia un ‘comitato dei saggi’ a guidare il M5s. Oppure potrebbe toccare a Vito Crimi, in quanto membro anziano, prendere la reggenza ad interim. In caso di vacatio infatti, secondo lo statuto, è il membro anziano del comitato di garanzia a fare le veci del capo.

Il premier Conte, che non ha confermato né smentito di essere stato avvisato da Di Maio delle imminenti dimissioni, si è detto dispiaciuto: “Se fosse una sua decisione lo rispetterò”, ha affermato in un’intervista, “mi dispiacerà sul piano personale”.

Questo cambiamento però, assicura la deputata pentastellata Carla Ruocco, non rischierebbe di compromettere la stabilità del governo: “Penso che siano due piani completamente diversi”.

Secondo il capogruppo M5S alla Camera Davide Crippa “il Movimento, anche in quanto forza di governo, andrà avanti. Dal punto di vista della credibilità del M5s all’interno del governo nulla verrà messo in discussione.

Verrà analizzato e intrapreso un percorso per capire come arrivare agli Stati generali e con che modalità.

Credo sia un percorso molto democratico, che potremo aprire al nostro interno con discussioni rispetto alle motivazioni di questa scelta e della struttura che eventualmente potrà dare una mano a questa transizione verso gli Stati generali”.

Crippa però non ha voluto il timing della decisione di Di Maio, una decisione presa a quattro giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia-Romagna.

Il sostituto

In sostituzione della figura del capo politico unico, il M5s potrebbe anche decidere di dotarsi di un ‘comitato’, in cui più persone potrebbero dividersi compiti e responsabilità.

Come aveva spiegato già Di Maio in un precedente colloquio con i suoi, non basta pensare a un eventuale ‘vice’, perché per rispondere alle sfide di un Movimento che solo due anni fa ha ottenuto il 32%, e che ora fa parte  dell’esecutivo, raddoppiare il vertice potrebbe non essere sufficiente.

“Il punto non sono le mie dimissioni da capo politico né da ministro degli Esteri – aveva detto Di Maio – non si discute di questo, ma del futuro del Movimento”.

(Fanpage)

politica

Salvini vuole il ministero per la Famiglia e la Natalità: “Bisogna tornare a fare figli senza problemi”

Published

on

By

salvini Meloni

Tra le proposte per il totoministri spunta la nuova richiesta del segretario della Lega Matteo Salvini, che sembra per il momento non aver rinunciato del tutto al Viminale. Il leader del Carroccio ora chiede il dicastero per la Famiglia, con una specifica attenzione al tema della natalità, che potrebbe essere guidato proprio da un esponente del suo partito.

Salvini vuole il ministero per la Famiglia

“La Lega si occuperebbe volentieri dei temi della famiglia e della natalità all’interno del nuovo governo”, perché “bisogna tornare a mettere al mondo figli senza tanti problemi”, avrebbe detto, secondo quanto riportato da alcuni giornalisti presenti all’assemblea provinciale dei militanti della Lega della provincia di Varese, che si è svolta a Saronno a porte chiuse.

Le motivazioni dietro questa scelta sono facilmente intuibili. Fonti del Carroccio fanno sapere che la Lega prenderebbe volentieri in mano il dossier famiglia, ministero già esistente, ritenendo in particolare il tema della natalità come una “emergenza nazionale”.

La conferma del progetto leghista arriva anche dal capogruppo al Senato Massimiliano Romeo: “Con questo governo si spera di concretizzare i progetti che in Parlamento abbiamo più volte sostenuto, cercando di seguire l’esempio delle politiche del Trentino Alto Adige, la Regione che ha l’indice di natalità più alto”.

Il tema è del resto uno dei cavalli di battaglia della Lega

Se ne occupò già Lorenzo Fontana, vicesegretario di Salvini nel primo governo Conte, che fu ministro della Famiglia dal 1 giugno 2018 al 10 luglio 2019, poi sostituito da Alessandra Locatelli (Fontana era passato agli affari europei), 42enne comasca che prenderà il posto di Lorenzo Fontana, militante della prima ora del Carroccio dal 1993, oggi assessora in Lombardia con la stessa delega. E si fa già il suo nome come possibile nuova ministra del governo Meloni.

Sempre in casa Lega potrebbe essere riconfermata anche Erika Stefani, che però potrebbe lasciare l’incarico di ministra alla Disabilità, per guidare gli Affari regionali, e portare avanti il dossier delle Autonomie regionali, che il Nord si aspetta da tempo.

Nel Carroccio si fa anche il nome di Stefano Bolognini, assessore lombardo, che potrebbe guidare il ministero dell’Innovazione, lo stesso che Salvini promette di spostare nella sua Milano. In tutto comunque il Carroccio dovrebbe avere 4 ministeri, e la stessa quota dovrebbe spettare a Forza Italia. Meloni invece dovrebbe tenere per sé tutti gli altri, dividendoli tra tecnici e politici.


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

politica

Nuovo governo, Meloni: “Vogliamo un’Italia che torni a pensare in grande”

Published

on

Meloni

NUOVO GOVERNO.“Siamo al lavoro per una squadra di governo di alto profilo che metta al centro della sua azione la difesa dell’interesse nazionale e dei cittadini”. Lo scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Vogliamo un’Italia che torni a pensare in grande”, precisa.

Arrivando alla Camera, Giorgia Meloni ha detto: “Oggi è un’altra giornata di lavoro sui dossier più dedicati per essere pronti il prima possibile, sono molto ottimista”. Poi nega il presunto scontro con Mario Draghi sul Pnrr, ma aggiunge: “Dobbiamo fare ancora meglio”.

Nuovo governo Meloni – Fonti Ue: “Il piano procede secondo quanto previsto”

Matteo Renzi la pungola: “Anziché discutere con Salvini del totoministri, vai tu a Bruxelles al Consiglio Ue. Hai fatto cadere Draghi, ora governa tu. Se ti riesce”. Il Pd a raccolta nella prima direzione del partito dopo le elezioni. Letta nella sua relazione auspica che il simbolo “rimanga così com’è”. Le poche donne Pd elette – ha detto – sono il fallimento della nostra rappresentanza: i capi dei gruppi parlamentari siano donne. No alla permanenza più a lungo: lo riterrei un errore per voi e per il partito, si metta in campo una classe dirigente più giovane”. Il congresso non deve essere un X Factor, a primavera il nuovo gruppo dirigente”.

Italia e 3 Paesi: tetto non sia solo al gas per elettricità

Un tetto limitato al gas impiegato per l’energia elettrica “ignora i 2/3 del mercato del gas” e crea “disincentivi alla riduzione dei prezzi” in quanto gli importatori saranno compensati per qualsiasi prezzo pagano. E’ quanto si legge nel non paper – documento non ufficiale – con le proposte di Italia, Belgio, Polonia e Grecia sul price cap al gas. Nel testo si sottolinea inoltre come tale soluzione potrebbe creare “una passività senza un chiaro limite verso l’esterno”, ad esempio perché il prezzo all’importazione può continuare a salire, richiedendo più risorse per mantenere il tetto.

Nuovo governo Meloni – Salvini a Milano vede Giorgetti e Fontana, stasera i militanti

Giornata di lavoro milanese per il segretario della Lega, Matteo Salvini. Nessun incontro pubblico, nemmeno quello di questa sera a Saronno, in provincia di Varese, dove nella Sala ‘Aldo Moro’ di via Santuario si terrà l’assemblea provinciale dei militanti del Carroccio. Nel capoluogo lombardo Salvini ha incontrato, secondo quanto si apprende, Giancarlo Giorgetti e Attilio Fontana. Un’occasione, probabilmente, per fare il punto sulle strategie del partito, tra il nuovo governo e le regionali del prossimo anno, dove oltre a Fontana, anche la vicepresidente della Regione Letizia Moratti ha ribadito la sua disponibilità a candidarsi e attende una risposta dal centrodestra. Con quest’ultima, sempre secondo quanto si apprende, non sono invece previsti incontri, almeno per oggi. In serata a Saronno, il leader della Lega sarà di nuovo con Giorgetti e Fontana per l’assemblea dei militanti insieme ad alcuni parlamentari del territorio. Un momento di confronto per analizzare i risultati elettorali, la situazione politica e le future strategie.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

politica

Nuovo governo, Meloni: “Pronti il prima possibile, sono ottimista”

Published

on

Meloni

NUOVO GOVERNO. Arrivando alla Camera, Giorgia Meloni ha detto: “Oggi è un’altra giornata di lavoro sui dossier più dedicati per essere pronti il prima possibile, sono molto ottimista”. Poi nega il presunto scontro con Mario Draghi sul Pnrr, ma aggiunge: “Dobbiamo fare ancora meglio”.

Nuovo governo Meloni – Fonti Ue: “Il piano procede secondo quanto previsto”

Matteo Renzi la pungola: “Anziché discutere con Salvini del totoministri, vai tu a Bruxelles al Consiglio Ue. Hai fatto cadere Draghi, ora governa tu. Se ti riesce”. Il Pd a raccolta nella prima direzione del partito dopo le elezioni. Letta nella sua relazione auspica che il simbolo “rimanga così com’è”. Le poche donne Pd elette – ha detto – sono il fallimento della nostra rappresentanza: i capi dei gruppi parlamentari siano donne. No alla permanenza più a lungo: lo riterrei un errore per voi e per il partito, si metta in campo una classe dirigente più giovane”. Il congresso non deve essere un X Factor, a primavera il nuovo gruppo dirigente”.

Italia e 3 Paesi: tetto non sia solo al gas per elettricità

Un tetto limitato al gas impiegato per l’energia elettrica “ignora i 2/3 del mercato del gas” e crea “disincentivi alla riduzione dei prezzi” in quanto gli importatori saranno compensati per qualsiasi prezzo pagano. E’ quanto si legge nel non paper – documento non ufficiale – con le proposte di Italia, Belgio, Polonia e Grecia sul price cap al gas. Nel testo si sottolinea inoltre come tale soluzione potrebbe creare “una passività senza un chiaro limite verso l’esterno”, ad esempio perché il prezzo all’importazione può continuare a salire, richiedendo più risorse per mantenere il tetto.

Nuovo governo Meloni – Salvini a Milano vede Giorgetti e Fontana, stasera i militanti

Giornata di lavoro milanese per il segretario della Lega, Matteo Salvini. Nessun incontro pubblico, nemmeno quello di questa sera a Saronno, in provincia di Varese, dove nella Sala ‘Aldo Moro’ di via Santuario si terrà l’assemblea provinciale dei militanti del Carroccio. Nel capoluogo lombardo Salvini ha incontrato, secondo quanto si apprende, Giancarlo Giorgetti e Attilio Fontana. Un’occasione, probabilmente, per fare il punto sulle strategie del partito, tra il nuovo governo e le regionali del prossimo anno, dove oltre a Fontana, anche la vicepresidente della Regione Letizia Moratti ha ribadito la sua disponibilità a candidarsi e attende una risposta dal centrodestra. Con quest’ultima, sempre secondo quanto si apprende, non sono invece previsti incontri, almeno per oggi. In serata a Saronno, il leader della Lega sarà di nuovo con Giorgetti e Fontana per l’assemblea dei militanti insieme ad alcuni parlamentari del territorio. Un momento di confronto per analizzare i risultati elettorali, la situazione politica e le future strategie.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading
Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

Trending

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)