Connect with us

cronaca

Virus cinese a Roma, è psicosi: pronto soccorso ancora in tilt.

Pubblicato

il

Virus cinese a Roma: è allerta

Barelle e lettighe ovunque, pazienti in attesa per ore sulle sedie e ricoveri che arrivano anche dopo giorni di attesa.

L’influenza fa tremare non solo i pazienti ma anche gli ospedali.

La situazione nei pronto soccorsi di Roma è sempre più complicata con picchi di 150 pazienti contemporaneamente.

E ora, con l’arrivo dell’allarme dell’influenza dalla Cina, rischia di peggiorare.

Questa mattina infatti ci sarà un vertice straordinario presso l’Istituto Spallanzani con i direttori dei pronto soccorsi romani e non solo: si incontreranno per una riunione operativa relativa alla gestione di eventuali casi di pazienti con sospetta patologia coronavirus.

L’allerta è altissima.

E così l’influenza in arrivo dalla Cina, che sta facendo tremare l’Europa, rischia di aggravare un momento tanto delicato per il picco influenzale di stagione.

Ospedali già al collasso.

I reparti di emergenza vivono infatti da almeno una settimana giornate da record e si prevede che manterranno questo livello almeno fino alla metà di febbraio quando l’influenza di stagione inizierà a calare.

Ieri pomeriggio

Alle 17 l’affluenza dei pazienti raggiungeva presenze a tre cifre praticamente in tutti i maggiori ospedali: il Policlinico di Tor Vergata, ad esempio, aveva 108 pazienti contemporaneamente e il Policlincio Casilino ne aveva 120 e uno su 4 aspettava di essere visitato.

L’altro grande Policlinico romano, l’Umberto I, a cui si rivolgono migliaia di pazienti ogni mese, aveva 115 persone e purtroppo 55 di queste aspettavano un ricovero.

Vale a dire che, una volta fatta la visita e gli esami necessari, il medico stabilisce che il paziente ha bisogno del ricovero ma non sa dove portarlo.

Una persona su due restava in attesa su una barella. Al Sant’Andrea erano 92, oltre uno su aspettava di fare la visita.

All’ospedale San Camillo

99 pazienti in sala, solo 8 quelli non ancora visitati ma ben 39 aspettavano il ricovero.

Il problema dei posti letto, ancora troppo pochi rispetto alle necessità, va a ingolfare l’assistenza anche dove i camici bianchi riescono a farla scorrere velocemente.

(Leggo)

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)