Connect with us

cronaca

Virus Cina, il bilancio sale a 56 vittime: 2mila infetti.

Pubblicato

il

Il bilancio delle vittime del coronavirus in Cina è salito a 56

Il numero di persone infette in tutto il Paese si avvicina a 2mila. E’ l’ultimo bilancio diffuso dalle autorità, salito a poche ore dall’ultimo bollettino.

Nelle ultime 24 ore, sono morte 15 persone e almeno 688 nuovi casi sono stati confermati, secondo la Commissione nazionale per la Salute.

Dei nuovi decessi, 13 si sono verificati nella provincia di Hubei, quella di Wuhan.

Le persone in arrivo alle stazioni ferroviarie di Shantou saranno sottoposte a screening e “invitate a tornare indietro”, hanno affermato le autorità cittadine che però escludono l’isolamento.

Autobus, traghetti, trasporti pubblici e taxi resteranno fermi, hanno annunciato le autorità di Shantou sul loro account ufficiale sui social media.

Le misure mirano a “non risparmiare sforzi per la prevenzione e il controllo” dell’epidemia, hanno detto i funzionari di Shantou, e a “tagliare i canali di diffusione del virus”.

 

E’ Xi’an

La terza città cinese a vietare gli autobus a lunga percorrenza nell’intento di fermare la diffusione del coronavirus. Lo hanno annunciato le autorità locali sulla piattafoma Weibo (il Twitter cinese), e poco dopo hanno dato un analogo annuncio le autorita’ della provincia di Shandong.

Il divieto entrera’ in vigore a Xi’an, città con 10 milioni di abitanti, alle 18 di oggi, ora locale. Stesso divieto è già stato annunciato da Pechino e Tianjin.

 

Virus Cina: Psa rimpatria il suo staff da Wuhan

La casa automobilistica francese PSA, che produce i marchi Peugeot e Citroen, ha fatto sapere di aver rimpatriato il proprio personale da Wuhan.

L’evacuazione

E’ stata “attuata in piena collaborazione con le autorità cinesi e il consolato francese” e ha coinvolto 38 persone formate da membri dello staff e dalle loro famiglie che lavorano a Wuhan regione.

Virus Cina: chiude Disneyland di Hong Kong

Dopo quello di Shanghai chiude anche Disneyland di Hong Kong, sull’onda della paura del coronavirus.

Lo ha annunciato la società di gestione precisando che la chiusura, in atto da oggi, durerà fino al giorno seguente a quello in cui le autorità dichiareranno conclusa l’emergenza virus.

“Come misura precauzionale in linea con gli sforzi di prevenzione in atto a Hong Kong, stiamo temporaneamente chiudendo il parco Disneyland di Hong Kong per motivi di salute e per la sicurezza dei nostri ospiti e dei membri del cast”, ha dichiarato il parco in una nota.

(Tgcom24)

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)