Connect with us

cronaca

Morti in corsia, l’ex vice primario del Pronto Soccorso condannato all’ergastolo per 12 omicidi

Pubblicato

il

ergastolo

Leonardo Cazzaniga, ex viceprimario del Pronto Soccorso di Saronno (Varese), è stato condannato all’ergastolo per 12 omicidi. Lo ha deciso la Corte d’Assise del Tribunale di Busto Arsizio al termine di sette ore di Camera di Consiglio.

IL DIBATTITO IN AULA
«Pur nella acuta consapevolezza d’essere imputato di 14 omicidi volontari, quindi un »demonio«, un »killer spietato«, ribadisco di non aver mai agito come Lady Macbeth suggerì al consorte». Lo ha dichiarato spontaneamente in aula Leonardo Cazzaniga, l’ex viceprimario del pronto soccorso di Saronno (Varese), a processo per 12 morti sospette in corsia e tre nella famiglia dell’ex amante Laura Taroni, poco prima che la Corte d’Assise del Tribunale di Busto Arsizio (Varese) si riunisse in camera di consiglio per decidere se condannarlo o assolverlo dalle accuse. La sentenza è poi arrivata a metà pomeriggio.

LE SUE PAROLE
«L’ho fatto come una forma di pietà, di cui sono fiero». Leonardo Cazzaniga, medico in carcere per la vicende delle morti in corsia all’ospedale di Saronno così aveva risposto quando dopo l’arresto gli chiesero ragione dei cocktail di farmaci somministrati ai pazienti: «Ho maturato la convinzione che fosse inumano e anti-pietas comportarsi sul morente in modo accanente».
A suo avviso erano pazienti «in fase terminale, preterminale», per terminali «intendo minuti, mezz’ore e ore, per me era semplicemente accompagnarli alla morte».

Fonte: Leggo

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)