Connect with us

italia

Regionali 2020. L’Emilia Romagna resta rossa. In Calabria vince il centrodestra.

Pubblicato

il

Fallito il colpo grosso di Matteo Salvini in Emilia-Romagna

La Regione va alle urne (con un’affluenza al 67%, il doppio rispetto alle elezioni precedenti) per premiare il governatore uscente del centrosinistra Stefano Bonaccini (51%), che stacca di 8 punti la candidata della Lega Lucia Borgonzoni (43%). La coalizione del Pd premiata con il 48% dei voti, tiene testa il centrodestra con il 45%. Il M5s entra in Consiglio con un risicato 4,7%. In Calabria invece vittoria del centrodestra e di Jole Santelli (Forza Italia): che si attesta al 55%. Nella Regione del Sud non c’è partita: Callipo (Centrosinistra) si ferma al 30%. I pentastellati con Aiello (al 7,3%) fuori dal Consiglio. Carlo Tansi al 6,5% (il ricercatore del Cnr sostenuto da tre liste).

Il voto ai candidati in Emilia-Romagna In Emilia-Romagna, il governatore uscente Stefano Bonaccini si conferma in vantaggio con il 51,3% dei consensi. Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra, è al 43,7%. Simone Benini, candidato del  Movimento 5 Stelle, si ferma al 3,4%, sfavorito dal voto disgiunto.

 

Le liste: buon risultato della Lega in Emilia-Romagna, bene FdI in entrambe le RegioniIn Emilia-Romagna il dato della Lega è considerevole. È quasi un testa a testa con il Pd: 34,5% contro 32%. Anche in Calabria il Pd è primo partito con il 16,3%. Il Carroccio è al 12% dietro a Fi (12,5%). Quarto Fdi (11,2%). Il partito di Giorgia Meloni ottiene un buon risultato anche in Emilia Romagna: all’8,4% mentre il partito di Silvio Berlusconi quasi scompare con un 2,4%. Non festeggia il M5s in Calabria, la lista prende il 6,3% (il candidato ha ottenuto il 7,5%). I pentastellati erano alleati con una lista civica. La soglia di sbarramento per le coalizioni si attesta all’8% e i pentastellati rimangono fuori da Palazzo Campanella.

 

Bonaccini

con oltre il 55% a Bibbiano Stefano Bonaccini ottiene il 56,7% dei consensi, mentre il Pd è sopra al 40%, a Bibbiano, il paese del Reggiano finito al centro dell’inchiesta “Angeli e Demoni” sugli affidi. La sua sfidante, Lucia Borgonzoni, si ferma al 37%. Alle precedenti elezioni regionali Bonaccini aveva preso il 57%, con il Pd ben oltre al 50%.

 

Bonaccini: “Spero che la Lega mi chieda scusa, l’arroganza non paga mai””Spero sia di insegnamento alla Lega, c’è qualche segretario della Lega in Emilia-Romagna che spero mi chieda anche scusa delle cose che ha detto in questi mesi”. Lo ha detto Stefano Bonaccini subito dopo i primi risultati. “E’ stata una cavalcata straordinaria, io ci ho sempre creduto – ha aggiunto -. Abbiamo fatto questa campagna elettorale con la consapevolezza di dover far tornare chi era rimasto a casa. Ora la partecipazione l’abbiamo recuperata e abbiamo recuperato un dato molto importante per il Centrosinistra. Gli esponenti della Lega mi invitavano a fare le valigie. Io ho sempre consigliato di essere prudenti, perché l’arroganza non paga mai”.

(Tgcom24)

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)