Connect with us

cronaca

Coronavirus, a Telese Terme classi vuote a scuola per paura della bimba cinese

Pubblicato

il

coronavirus

Le mamme hanno paura che una piccola di origini cinesi, appena tornata in Italia, possa aver portato con sè il Coronavirus e che possa trasmetterlo ai propri figli. E così, per precauzione, le classi rimangono vuote. Succede a Telese Terme, piccolo comune della provincia di Benevento, in un istituto comprensivo dove ci sono la scuola dell’infanzia, la primaria e la secondaria di I Grado ad indirizzo musicale.

La piccola alunna cinese frequenta la scuola primaria, quella che fino a pochi anni fa era chiamata le elementari. Nei giorni scorsi era stata con la famiglia in Cina, è rientrata di recente in Italia ma non è ancora tornata a scuola. Malgrado ciò, le mamme degli altri bambini temono che sia stata infettata e che, da “untrice”, possa mettere a repentaglio anche gli altri bambini.

Una psicosi che, come conferma la dirigente dell’istituto, non ha nessun fondamento: non solo la bambina non presenta nessun sintomo, ma è stata un una città dove non ci sono casi di Coronavirus e che si trova a un migliaio di chilometri da Wuhan, dove c’è il focolaio di infezione.

“In questi giorni – si legge nella nota diffusa dalla dirigente scolastica Rosa Pellegrino, con data di oggi, 31 gennaio – sta crescendo tra molti, moltissimi di voi, il timore che l’alunna della scuola primaria rientrata dalla Cina possa essere portatrice di Coronavirus e quindi potenzialmente contagiosa. In conseguenza di ciò, molti hanno deciso di tenere preventivamente i figli a casa, nonostante la bambina non sia ancora rientrata a scuola”.

La nota prosegue specificando che la bimba è stata a Wenzhou, un piccolo centro sulla costa che dista mille chilometri circa da Wuhan, e che “sappiamo che in Cina ben prima che in Italia sono scattate le misure di prevenzione e i controlli sanitari, pertanto la bambina in questione, e i familiari che l’accompagnavano, hanno superato ben quattro controlli aeroportuali in entrata e in uscita e non presentano alcun sintomo influenzale”.

Comprendendo la preoccupazione dei genitori, la dirigente sottolinea che non metterebbe mai a rischio gli altri bambini e che la situazione è sotto stretto monitoraggio dell’Asl di Telese Terme, che ha confermato che non c’è necessità di quarantena per chi, pur rientrando dalla Cina, non presenta sintomi influenzali.

E la bambina, aggiunge, sta bene ed è a casa per scelta dei genitori, i quali, “con grande senso di responsabilità e sensibilità, stanno privando la figlia delle attività didattiche pur di non creare scompiglio tra le famiglie”. “Invito tutti a tranquillizzarsi – conclude la dirigente – anche documentandosi sul sito del Ministero della Salute, a far rientrare i bambini a scuola, e a superare paure irrazionali e psicosi collettive che rischiano di sfociare in una anacronistica caccia all’untore”.

Fonte: https://napoli.fanpage.it/

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)