Coronavirus, bollettino medico Spallanzani: “Condizioni contagiati discrete, donna episodi vomito”

10 mesi fa
1 Febbraio 2020
di angela capasso

Sono ancora sotto osservazione i due turisti di origine cinese ricoverati all’ospedale Spallanzani di Roma. L’istituto ha diffuso un secondo bollettino medico nella giornata di oggi, sabato primo febbraio, per aggiornare sulle condizioni dei due pazienti. I medici fanno sapere che le condizioni continuano a essere discrete, ma che la donna oggi ha avuto episodi di nausea e vomito. Il marito, invece, “si trova in condizioni cliniche stazionarie, con un quadro di polmonite interstizio alveolare bilaterale”. L’uomo ha ancora la febbre, con tosse e astenia. Entrambi sono costantemente monitorati da parte del personale sanitario che, in caso di evoluzioni del quadro clinico, darà aggiornamento immediato delle loro condizioni.

Coronavirus, le condizioni dei ricoverati allo Spallanzani

L’operaio del Grand Hotel Palatino ricoverato ieri è stato dimesso perché risultato negativo ai test per il coronavirus. Già dall’inizio era stato comunicato che non era entrato in contatto con i due turisti cinesi contagiati. Al momento restano ricoverati tredici pazienti provenienti da zone della Cina interessate dall’epidemia: sono state sottoposte agli esami del caso, i cui risultati non sono ancora arrivati. Per quanto riguarda il gruppo di persone atterrate con la coppia a Malpensa e intercettate sul pullman diretto a Cassino, continuano a essere tenute sotto osservazione allo Spallanzani. Sono in buone condizioni di salute.

I turisti contagiati: “Grazie di tutto, siamo sereni”

“Grazie a tutti per quello che hanno fatto: per i primi soccorsi, per l’accoglienza, le cure, la disponibilità… Siamo sereni”. Lo hanno detto i due turisti cinesi contagiati dal coronavirus all’Adnkronos. “Vogliamo rassicurare tutti, a Roma non abbiamo mai preso mezzi pubblici e siamo stati sempre in albergo. Non abbiamo girato, non abbiamo visitato nulla. Ci siamo ammalati subito e abbiamo sempre mangiato in camera”.

Fonte: https://roma.fanpage.it/