Connect with us

economia

Benzina, effetto coronavirus: nei prossimi giorni maxi-calo dei prezzi.

Published

on

Benzina, arrivano buone notizie per gli automobilisti italiani.

Per i primi giorni della prossima settimana l’abituale bollettino di Figisc e Anisa Confcommercio segnala la possibilità di ulteriori ribassi del prezzo finale dell’ordine di 0,5-0,7 cent al litro. È l’effetto del calo del prezzo del greggio, condizionato dall’allarme per gli impatti sull’economia della diffusione del coronavirus.  Venerdì l’Eni aveva deciso una diminuzione del prezzo consigliato ai gestori di 1 centesimo al litro su benzina e diesel, portando così il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina a 1,580 euro e del diesel invece a 1,472 euro.

Benzina, crolla il prezzo del greggio

Gli effetti dell’epidemia del coronavirus preoccupano i Paesi produttori di petrolio, allarmati da un ulteriore possibile crollo dei prezzi. Per correre ai ripari e mettere in campo azioni a sostegno delle quotazioni, l’Opec+, vale a dire i paesi membri dell’Opec più altri produttori compresa la Russia, stanno discutendo la possibilità di anticipare di un mese il previsto vertice del 5 e 6 marzo. Tra le date prese in considerazione, ha spiegato nella serata di ieri un delegato all’agenzia Bloomberg, ci sono l’8-9 febbraio e il 14-15 febbraio. È comunque fissata la riunione del comitato tecnico comune per i prossimi 4 e 5 febbraio a Vienna.

(Leggo)

economia

Bonus bollette 2022: adesso il sussidio è realtà. Ecco a chi spetta e come richiederlo in tempo

Published

on

By

bonus

Bonus bollette luce, gas e acqua 2022 a quanto ammonta? Per adesso, il Governo Draghi ed i precedenti governi hanno previsto il potenziamento del Bonus luce, gas e Acqua, aumentando il limite del valore Isee, per ottenerlo, da 8.265 euro a 12.000 euro, a partire dal 1° aprile 2022.

Bonus elettrico 2022 per disagio economico

Il bonus elettrico per disagio economico è un risparmio sulla bolletta della luce, indicato sulle fatture, con la voce Bonus sociale.

Per richiedere lo sconto sull’utenza domestica della luce, del gas e dell’acqua, bisogna solo presentare il modello Isee 2022, senza errori e omissioni ed avere un valore sull’attestazione Isee inferiore a:

  • a 8.265,00 euro, dal 1° Gennaio 2022 al 31 Marzo 2022,
  • 12.000,00 euro dal 1° Aprile 2022 al 31 Dicembre 2022, (non è stato innalzato a 15000 euro)
  • 20.000,00 euro, per i nuclei familiari numerosi, con almeno 4 figli a carico,
  • il valore Isee 2022, può essere anche superiore ai valori indicati precedentemente, per i percettori di Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza.

Inoltre uno dei componenti della famiglia, deve essere intestatario di un contratto:

  • di energia elettrica per uso domestico,
  • del gas, per uso domestico o condominiale,
  • di fornitura idrica, per suo domestico attivo o condominiale.

Quindi, da Gennaio 2021, non sarà più necessario presentare alcuna domanda cartacea all’ufficio protocollo del Comune. Sarà l’Inps a comunicare ai vari fornitori, con il sistema informativo integrato, i beneficiari del bonus bollette.

A quanto ammonta il bonus luce 2022?

L’ARERA ha aumentato gli importi dei Bonus sociali, con la compensazione integrativa temporanea, dal primo trimestre 2022 al quarto trimestre 2022.

Lo sconto sulla bolletta della luce nel 2022, per il terzo trimestre 2022 (dal 1° Luglio a Settembre 2022) sarà di:

  • euro 142,60 per le famiglie con 1 o 2 componenti;
  • euro 172,04 euro per 3 o 4 componenti per la fattura della luce, (aumenti 2022)
  • 201,48 euro per oltre 4 componenti.

Il sussidio elettrico della luce per disagio fisico, dipende dalle apparecchiature utilizzate, dalla potenza del contratto e dal tempo giornaliero di utilizzo. Lo sconto per questi beneficiari si aggira dai 84,64 euro ai 230,60 euro.

A quanto ammonta il bonus gas 2022?

Il risparmio sulla bolletta del gas nel 2022, per il terzo trimestre 2022, con la voce bonus sociale sulla fattura, sarà differente in base:

  1. al numero dei componenti del nucleo familiare,
  2. al tipo di utilizzo,
  3. alla zona climatica dove è presente la fornitura.

A quanto ammonta il bonus Acqua 2022?

Anche per richiedere il bonus acqua 2022, non bisogna presentare nessuna domanda, basta inviare il modello Isee 2022, con validità sino a dicembre 2022.

Il bonus sociale acqua riconosce la fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua all’anno, per ogni componente del nucleo familiare dell’utenza intestata.

Quindi si potrebbe ricevere uno sconto, sempre con la voce bonus sociale sulla fattura o una comunicazione da parte della società fornitrice dell’acqua per ritirare un importo fisso all’Ufficio Postale.

Per richiedere maggiorni informazioni sullo stato delle domande dei diversi bonus sociali è possibile contattare:

  • il numero verde 800.166.654,
  • controllare la pratica online, con le proprie credenziali collegandosi al sito www.bonusenergia.anci.it. 

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading

economia

Nuovo fondo Sure, presidenza Ue: “Paesi divisi sulla proposta”. Portavoce von der Leyen: “Iniziativa di Gentiloni e Breton”

Published

on

Nuovo Fondo Sure

NUOVO FONDO SURE. Pareri divergenti all’interno dei Paesi Ue sul fondo Sure. “Abbiamo discusso la proposta di una replica del fondo comune Sure e devo dire che ci sono pareri divergenti. Dobbiamo trovare una soluzione europea per ridurre i prezzi spot che sono troppo elevati”, ha riferito il ministro delle Finanze della Repubblica Ceca, Zbynek Stanjura, al termine dell’Ecofin. Per il portavoce del presidente Ursula von der Leyen, Eric Mamer, “la proposta di varare uno strumento europeo contro la crisi energetica come il fondo Sure durante la pandemia è un’iniziativa personale dei commissari Paolo Gentiloni e Thierry Breton e non impegna la Commissione Ue”.

“Continueremo a discutere – ha evidenziato Stanjura -, so che sembra che il ritmo sia troppo lento ma non è così. Molti Paesi hanno mix energetici diversi e idee diverse rispetto a quello che bisogna fare”.

Nuovo fondo Sure – Portavoce von der Leyen: proposta nuovo Sure iniziativa Gentiloni e Breton

Gli editoriali pubblicati su varie testate dai commissari Paolo Gentiloni e Thierry Breton sulla proposta di varare uno strumento europeo contro la crisi energetica come il fondo Sure durante la pandemia “sono iniziative personali dei commissari competenti e non impegnano la Commissione Ue”. Lo afferma il portavoce della presidente Ursula von der Leyen, Eric Mamer, rispondendo a una richiesta di chiarimento della stampa. “Ovviamente avete visto che la stessa presidente ha discusso della necessità di soluzioni europee e della protezione del mercato unico nel suo discorso di sabato a Sofia”, precisa il portavoce.

Nuovo fondo Sure – Parigi: “Serve dispositivo Ue su modello Sure”

Tra i promotori di una replica del fondo Sure, c’è la Francia. Nel corso della riunione Ecofin il ministro delle Finanze di Parigi, Bruno Le Maire, ha fatto appello ai suoi omologhi per “un piano di azione globale di lotta all’inflazione”. Il piano, ha spiegato il titolare di Bercy, dovrebbe comprendere 5 “pilastri” tra i quali “l’abbassamento dei prezzi dell’energia con l’urgente necessità di disaccoppiare i prezzi dell’elettricità e del gas”, punto sul quale “si stanno studiando di verse strade e un dispositivo di solidarietà europeo, basato sul modello Sure, con i tassi più bassi possibili”.

Scholz: “Fondi Recovery non ancora spesi, agiscono su crisi”

“La maggior parte dei soldi del Recovery Fund non è ancora stata spesa”, e questo fondo “agisce direttamente nella crisi attuale”. È invece quello che ha detto il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, rispondendo a una domanda sulle proposte dei commissari Ue, Paolo Gentiloni e Thierry Breton, che hanno invitato ad ispirarsi al programma Sure, per superare la crisi energetica nell’Ue.

Olanda: un dispositivo Sure per l’energia non è necessario

“Credo che dobbiamo mantenere a bordo” le proposte dei commissari Thierry Breton e Paolo Gentiloni, “dobbiamo registrarli, prendere nota. Siamo in tempi incerti, non sappiamo quanto sarà lungo l’impatto” della guerra “sull’inflazione e sull’economia”. Lo ha detto il ministro delle Finanze olandese Sigrid Kaag al termine dell’Ecofin. In merito alla proposta di una schema sul modello di Sure Kaag ha sottolineato, come dopo la crisi del Covid, “ci sono miliardi e miliardi disponibili che noi possiamo usare. Non credo sia necessario. Dobbiamo liberare i fondi”. (Tgcom24)
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading

economia

Bollette del gas, maxi stangata in arrivo: “Per le famiglie circa 3mila euro l’anno”

Published

on

Bollette

BOLLETTE. «Se dovessero trovare conferma le previsioni degli analisti con un aumento delle tariffe del gas del +70% a partire da ottobre, per gli italiani si tratterebbe di una maxi-stangata da 2.942 euro su base annua a famiglia solo per la spesa legata alle forniture di gas. Questo perché un rincaro così pesante porterebbe le tariffe a salire nell’ultimo trimestre del 2022 del +117% rispetto allo stesso trimestre del 2021, quando cioè è iniziata la serie ininterrotta di aumenti dell’energia».

Caro bollette – La nota del presidente di Assoutenti, Furio Truzzi

«I rincari del gas andrebbero così a sommarsi a quelli della luce, le cui tariffe sono salite nell’ultimo trimestre del 122% su base annua, rendendo sempre più insostenibile la spesa per l’energia – prosegue Truzzi – Per questo chiediamo al nuovo Governo di adottare da subito tre misure che appaiono più che mai urgenti per salvare i bilanci di milioni di famiglie:

  • la prima è disporre il «divorzio» tra prezzi del gas e prezzi della luce, seguendo la strada del disallineamento;
  • la seconda è bloccare i distacchi delle forniture energetiche per tutto il 2023;
  • la terza è allineare la fine del mercato tutelato del gas, programmata per gennaio 2023 a quella della luce, prevista per gennaio 2024».

Assoutenti ricorda infine che proprio in tema di crisi energetica il prossimo 18 ottobre si terrà l’assemblea nazionale di tutte le associazioni dei consumatori italiane aperta a sindacati, imprese, esercenti e organizzazioni del terzo settore, tesa a studiare un pacchetto di misure unitario contro il caro-bollette da presentare al nuovo Governo.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

Trending

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)