Connect with us

cronaca

Segregata per 10 anni, Amanda scappa salvando la figlioletta di 7 anni e altre due donne.

Published

on

“Sono rinchiusa da dieci anni. Fate presto, lui sta per tornare”

 

È la chiamata sconcertante che scuote il centralino del 911 un giorno di maggio del 2013. La sconosciuta si presenta come Amanda Berry, scomparsa dieci anni prima e mai più ritrovata. Pochi istanti dopo una volante della polizia si ferma davanti al 2207 di Seymour Avenue, Cleveland, in Ohio, dove tre giovani donne in stato di choc vengono fatte salire sull’auto. Alle loro spalle, smarrita e confusa, c’è una bambina di poco più di sei anni.

Ariel Castro

Tutto ha avuto inizio proprio nella casa di Ariel Castro al 2207, dieci anni prima di quella telefonata. Cinquantadue anni, ex autista di scuolabus, Castro era bravo in tre cose: giocare con i bambini, fare musica con la sua chitarra elettrica e nascondere il suo lato oscuro. Nel quartiere tutti lo conoscevano come un personaggio ombroso, ma anonimo. Divorziato da tempo conduceva una vita solitaria. Tutti, del resto, pensavano che il naufragio del suo matrimonio con Grimilda Figueroa, fidanzata storica, fosse dovuto alla sua natura violenta – Grimilda lo aveva denunciato per averle spaccato le costole gettandola dalle scale – e che da quando lei era andata via portandosi i quattro figli, non avesse più frequentato nessuno. Invece, Ariel aveva messo a punto il proprio piano personale per costruirsi un harem. La prima delle sue schiave fu Michelle Knight, 21 anni, una ragazza ‘difficile‘ con un bambino piccolo. La studiò e subito dopo l’udienza che disponeva l’affidamento di suo figlio al padre, quanto Michelle era più vulnerabile, le offrì un passaggio in auto. “Vuoi salire?”. Poteva dire di no, ma era fragile e non le importava più di niente. Iniziò così il primo di tre agghiaccianti sequestri.

Stupri botte e aborti

Arrivati al 2207 Castro trascinò la ragazza al piano di sopra, la picchiò e la incatenò. Michelle rimase sola, al buio e senza cibo né acqua per un tempo lunghissimo. Quando finalmente lui tornò le diede da mangiare, poi cominciò ad abusare di lei. La prigionia di Michelle fu la più violenta e feroce. Ariel la seviziava, l’affamava, la colpiva con spranghe di ferro e riuscì perfino a farle perdere l’udito. L ragazza rimase incinta più volte, ma lui la picchiò così forte da provocarle ogni volta l’aborto. L’unico pensiero che teneva in vita Michelle era poter un giorno ricongiungersi con il suo bambino e ogni volta che i figlio di Castro venivano a trovarlo, rinchiusa dietro porte blindate, Michelle sperava che si accorgesse di lei, che quella porta si aprisse.

Amanda

Successe l’anno dopo, i passi di qualcuno si avvicinarono al bunker, lei capì che Castro non era solo, ma quando la porta si aprì dietro Castro apparve una ragazzina dal volto terrorizzato: era Amanda Berry e quello era il giorno del suo diciassettesimo compleanno. La seconda prigioniera non placò la ferocia di Ariel, anzi, esasperò la sua tirannia. Anche lei rimase incinta, ma stavolta l’aguzzino volle che il parto fosse portato a termine e che fosse Michelle a occuparsene, la minacciò di morte se al bambino fosse successo qualcosa. Il parto avvenne in una piscina di plastica logora, dove la piccola nata fu sul punto di morire e si salvò solo per il provvidenziale intervento di Michelle.

Le indagini

Il 2006 quando fu la volta di Georgina, ‘Gina‘, De Jesus, 14 anni. Anche lei fu adescata con il pretesto di un passaggio in auto. La scomparsa di una ragazzina così giovane, stavolta, attivò ricerche a tappeto su tutto il territorio, coinvolgendo la comunità locale. Per Castro fu un’occasione imperdibile per controllare dall’interno le indagini, influenzare le persone coinvolte e depistare gli investigatori. L’ironia del caso vorrà che sia proprio suo figlio, studente di giornalismo, a intervistare i De Jesus. Nonostante tre famiglie cerchino le proprie figlie, la polizia non venne sfiorata neanche per un istante dal sospetto che nella casa al 2207 ci siano delle prigioniere.

La prigionia

Del resto, Ariel Castro aveva altri mezzi per tenere sotto controllo le prigioniere. Quando non erano incatenate per i polsi a pesanti manette agganciate al soffitto o rinchiuse, venivano ‘educate’ da Castro all’obbedienza. Il crudele carceriere era solito lasciare la casa per brevi periodi, assicurandosi che almeno un’uscita restasse accessibile. Ogni volta una delle prigioniere provava a scappare e ogni volta veniva selvaggiamente picchiata, perché fosse d’esempio alle altre. L’unica libertà concessa alle ragazze era uscire sul prato della casa, nude, al guinzaglio o strisciando a terra. Una scena che non sfuggì ai vicini, ma che non bastò a giustificare una perquisizione. L’unica a cui era concesso di uscire era la piccola Jocelyn, la figlia di Amanda, che spesso Castro portava con sé, camuffando il suo aspetto con una parrucca scura.

La ribellione

Avrebbe potuto continuare fino alla morte di una o tutte le prigioniere, invece successe qualcosa: Jocelyn, cominciò a crescere. Stava succedendo poco a poco, ma il processo era visibile negli occhi di Castro, che cominciava a dedicare sempre più tempo alla bambina. Fu allora che Amanda capì che sua figlia sarebbe passata presto al ruolo di schiava- bambina del sesso e prese la sua decisione. Ci ripensò, cambiò idea, aspettò e rinunciò ancora. Poi, il 6 maggio 2013, dieci anni dopo il proprio rapimento e sette dalla nascita della figlia, approfitto di una delle uscite del carceriere.

Poteva essere una trappola, la solita, e lui l’avrebbe ammazzata di botte, ma non importava più, meglio morta. Prese la piccola Jocelyn e la trascinò fuori sotto gli occhi increduli dei vicini. Jocey prese la parrucca, d’istinto, come le aveva insegnato lui, ma sua madre gliela strappò: la prigionia era finita. Furono Charles Ramsey e Angel Cordero, i dirimpettai, ad accogliere madre e figlia e a permettere ad Amanda di chiamare il 911. Il resto è agli atti delle indagini per triplice sequestro e stupro di minore scattata immediatamente a carico di Castro.

 

L’epilogo

Condannato a mille anni di carcere, Ariel Castro si è impiccato in cella a pochi giorni dal verdetto, a settembre 2013. Le vittime sono tornate alle loro famiglie e la casa al 2207, il bunker degli orrori, è stata demolita. Prima, però, l’FBI ha rivoltato ogni angolo e scavato nel giardino. Alla conta delle vittime, mancano, infatti, i sei bambini che le ragazze hanno avuto durante la cattività. Di loro, non si è mai trovata traccia.

(Fanpage)

Continue Reading

cronaca

Palermo, uccise la giovane amante incinta: ergastolo revocato in appello

Published

on

By

palermo

PALERMO. In appello revocato l’ergastolo per Antonino Borgia, l’imprenditore di Partinico, in provincia di Palermo, accusato di avere ucciso il 22 novembre 2019 con dieci coltellate Ana Maria Lacramioara Di Piazza, la giovane donna incinta originaria della Romania, ma residente a Giardinello che aveva una relazione con l’uomo.

La prima sezione della corte d’assise d’appello di Palermo ha inflitto 19 anni e 4 mesi per omicidio volontario. Le motivazioni si conosceranno fra 75 giorni. L’imputato, difeso dall’avvocato Salvatore Bonnì, era originariamente accusato di omicidio volontario, premeditato e aggravato dai futili motivi, e per occultamento di cadavere. A lui veniva anche contestato il procurato aborto.

La madre di Ana Maria e il figlio di 11 anni si sono costituiti parte civile nel processo, assistiti dell’avvocato Angelo Coppolino. In attesa di conoscere le motivazioni i giudici d’appello non hanno riconosciuto le aggravanti della premeditazione, dei motivi abietti e della crudeltà. Dunque secondo i giudici Borgia non sarebbe stato «spietato» come invece venne ricostruito nel corso delle indagini che furono portate avanti dai carabinieri della compagnia di Partinico.

È stata invece confermata la sentenza di primo grado che stabiliva il riconoscimento di una provvisionale da riconoscere alle parti civili costituite in giudizio. Borgia dopo l’omicidio della ragazza, con la quale aveva avuto una relazione, aveva ripreso la sua normale vita ed era persino andato al commissariato di Partinico per questioni personali.
Il pm in primo grado aveva spiegato che la pratica da sbrigare negli uffici di polizia era legata al suo passaporto: l’imputato, secondo l’accusa, avrebbe infatti avuto intenzione di rifugiarsi negli Stati Uniti. Fonte: Giornale di Sicilia


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

cronaca

Roma: uomo punto da ragno violino, rischio choc anafilattico mentre aspetta il figlio fuori da scuola

Published

on

By

ragno

Il ragno violino continua a colpire: ancora una puntura ad alto rischio, che ha messo in serio pericolo la salute di un genitore all’uscita da scuola a Roma. E ancora una volta in zona Portuense, come segnalato da Leggo martedì scorso riportando l’allarme dei farmacisti.

Adesso, quindi, si teme per i più piccoli: la richiesta che arriva dalle famiglie è di far pulire e controllare i giardini degli istituti scolastici, anche nei luoghi meno frequentati dagli alunni perché potrebbero comunque trasformarsi in tane pericolose.

Ragno violino, paura a Roma

L’ultimo caso è accaduto all’uscita dell’istituto Colle La Salle, in via dell’Imbrecciato. Un uomo sulla quarantina era lì, nel giardino della scuola, per prendere suo figlio che frequenta l‘istituto. Mentre aspettava fuori da scuola, però, è stato punto dal ragno violino.

In pochi attimi si è tenuto il peggio: l’uomo ha rischiato lo shock anafilattico e si è salvato solo grazie all’intervento di un altro papà medico. Poteva finire, quindi, davvero male.

E così il ragno violino torna a far paura, a distanza di pochissimi giorni dal primo grido di allarme partito dagli esperti: nella maggior parte die casi la puntura genera una piaga, nel giro di poche ore, ma nei casi piu gravi arriva anche lo shock anafilattico.

L’istituto Colle La Salle ha deciso di avviare una disinfestazione del giardino per eliminare la sgradita presenza: “provvediamo con questi interventi di disinfestazione almeno 3 volte l’anno, per evitare qualunque topo di problema  – spiegano dalla direzione – ora lo faremo ad hoc, proprio a causa della presenza del ragno violino”.

Sulla questione ieri si è riunito anche il consiglio di istituto, il caso ha ovviamente scosso le famiglie che temono soprattutto per i bambini. Ma non sono le sole. Anche le altre scuole del territorio sono in fibrillazione. Nel mirino ci sono parchi pubblici e cortili e giardini delle scuole, dove giovani i piu piccoli.

“Ho chiesto interventi mirati – spiega Marco Palma, consigliere di Fratelli d’Italia nel municipio 11 – stia dialogando con la Asl per capire come e chi far intervenire. Dobbiamo dare risposte alle famiglie, in diversi istituti del territorio i genitori stanno chiedendo alle maestre di non portare più i bambini in giardino, anche in un asilo nido comunale.


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading

campania

Si ferma sulla statale per un guasto all’auto, uomo di 41 anni travolto e ucciso

Published

on

By

caivano

CAIVANO. Tamponamento a catena nel Napoletano, morto un giovane uomo. E’ accaduto sulla strada statale 7bis, quella che collega le province di Napoli e Caserta.

Lo riporta Edizione Napoli. Lo schianto si è verificato all’altezza tra l’uscita della zona industriale di Acerra e Caivano. Un automobilista purtroppo ha perso la vita.

Nell’incidente sono rimasti coinvolti cinque veicoli, tra i quali una Citroen e una 500X. Il traffico è andato in tilt. Si sono registrati quasi 10 chilometri di coda: rallentamenti fino alle uscite di Succivo e traffico sostenuto fino a quella di Gricignano zona industriale.

Sul posto per i rilievi del caso sono intervenuti gli agenti della polizia stradale  del distaccamento di Nola che dovranno ricostruire l’incidente conclusosi con l’esito mortale.

Sulla salma dell’automobilista deceduto dovrebbe essere effettuato l’esame autoptico.

La vittima dello schianto di Caivano

La vittima è di una 41enne di Giugliano. L’uomo era alla guida della sua Audi quando si è fermato probabilmente per verificare un guasto. Il conducente dell’auto che sopraggiungeva non si è avveduto della sua presenza e l’ha travolto dando luogo a un tamponamento a catena. Per lui purtroppo non c’è stato nulla da fare. Fonte: Edizione Napoli


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Continue Reading
Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

Trending

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)