Connect with us

cronaca

All’ergastolo per aver ucciso il marito con una flebo avvelenata: ora lavora in Procura.

Pubblicato

il

Esce dal carcere dopo quasi 13 anni di detenzione per lavorare in Tribunale

Lucia Bartolomeo, 44 anni, l’infermiera pugliese condannata all’ergastolo, con sentenza definitiva, per aver ucciso il marito Ettore Attanasio, con una flebo drogata, potrà lavorare fuori dal carcere.

La donna, infatti, ha potuto beneficiare della legge sull’ordinamento penitenziario che consente ai detenuti di lavorare fuori dal carcere avendo scontato, almeno, dieci anni di detenzione.

Lucia, che è stata condannata per aver iniettato al marito una dose letale di eroina, farà fotocopie proprio negli uffici della Procura di Lecce, che all’epoca indagò sulle sue responsabilità.

L’omicidio di Ettore Attanasio

Il caso salì agli onori delle cronache nel 2006, dopo che la morte di Ettore Attanasio, fabbro di 34 anni spirato nella casa in cui viveva a Taurisano con la moglie e la figlioletta, la mattina del 30 maggio, fu riaperto dopo un’iniziale archiviazione per morte naturale.

A gettare sospetti sulla vicenda

Era stata una infermiera del 118 che ai colleghi che tornavano da Taurisano, dopo aver accertato la morte di Attanasio, disse che del presunto tumore di cui avrebbe sofferto l’operaio, non c’era alcuna diagnosi documentata.

A seguito di un esposto, dunque, il cadavere di Attanasio fu riesumato e sottoposto per la prima volta ad autopsia ed esame tossicologico.

L’eroina iniettata nelle vene

Nel corpo dell’operaio i medici trovarono tracce di una dose di circa 70 mg di eroina.

I sospetti caddero immediatamente sulla moglie infermiera del 34enne che proprio nei giorni che avevano preceduta la tragedia stava somministrando al consorte delle flebo.

Gli sms all’amante: “Questione di ore”

Movente del delitto sarebbe stato il desiderio di liberarsi del marito per potersi rifare una vita con l’amante, il collega Biagio Martella.

A corroborare l’accusa al processo saranno, tra l’altro, i messaggi mandati dalla donna all’amante.

“Questione di ore”, scriveva Lucia all’amante, mentre il marito moriva nel sonno.

La condanna all’ergastolo

Per Bartolomeo, la condanna confermata dalla Cassazione per l’accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione

Ben oltre le richieste della procura che, per l’infermiera di Lecce, aveva chiesto invece 24 anni di carcere.

Dopo la condanna, Lucia Bartolomeo ha perso la patria potestà sulla figlia.

Continua a professarsi innocente.

(Fanpage)

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)