Connect with us

cronaca

L’uomo che ha sparato a un distretto del Bronx era “stanco degli ufficiali di polizia”

Pubblicato

il

polizia

Robert Williams, che secondo la polizia ha ferito due ufficiali in una furia di fine settimana, aveva una lunga storia criminale.

Quando Robert L. Williams uscì dalla prigione di stato di Elmira tre anni fa, fu un uomo libero per la prima volta in quasi 15 anni. Aveva 43 anni e aveva trascorso metà della sua vita in prigione. La sua ultima follia criminale era finita in una battaglia con la polizia. Disse ai parenti che voleva conoscere suo figlio adolescente. “Era contento di tornare a casa”, ha detto sua nonna, Mary Williams. “Trascorreva del tempo con suo figlio”.

Ma sei mesi dopo, suo figlio è morto dopo essersi sparato per caso, e il signor Williams è entrato in una spirale discendente, ricadendo nell’uso di droghe pesanti, ha detto. Il suo consumo di droga ha portato a un incontro con la polizia durante il quale hanno usato un Taser per arrestarlo. Poi, nel fine settimana, ha attaccato, ha detto la polizia. Ha sparato a due agenti in un furgone della polizia sabato sera, ferendone uno, poi la mattina dopo è entrato in un recinto del Bronx e ha aperto il fuoco, colpendo un tenente. Lunedì, il signor Williams, 45 anni, è stato formalmente accusato nel tribunale penale del Bronx con 14 accuse di tentato omicidio.

Un procuratore, Burim Namani, ha affermato che il signor Williams aveva detto agli investigatori in interviste filmate di aver effettuato gli attacchi perché “era stanco degli agenti di polizia”. In seguito, il signor Namani ha detto, il signor Williams ha detto agli ufficiali di un ospedale che avrebbe sparagli una volta rilasciato. Un giorno dopo la fine della furia, emerge un quadro più chiaro di un uomo instabile che è stato ulteriormente scardinato dopo la morte di suo figlio di 18 anni, Robert Williams Jr.

Ha allestito un santuario per l’adolescente sul comodino e si è depresso, ha detto la nonna, basandosi su droghe allucinogene. La signora Williams, 80 anni, ha detto che suo nipote era probabilmente alto quando si è avvicinato alla polizia durante il fine settimana. “Penso che stesse lasciando che la droga prendesse il controllo della sua vita”, ha detto la Williams. 

polizia

Il figlio del signor Williams, noto come B.J., è stato ucciso quando un amico gli ha passato una pistola, secondo un ufficiale di polizia che aveva visto una videocassetta dell’incidente. Armeggiò l’arma e premette accidentalmente il grilletto. L’adolescente si stava preparando per frequentare il college nella parte settentrionale dello stato di New York, ha detto la Williams.

In seguito all’incidente, il signor Williams, che era stato arrestato nel 1994 per possesso di stupefacenti, ha iniziato ad alzarsi regolarmente, ha detto la nonna. Negli ultimi mesi, ha iniziato a nutrire rabbia nei confronti delle forze dell’ordine.

Nel novembre 2018, il signor Williams ha condotto la sua auto in una mediana vicino all’autostrada Cross-Bronx, secondo i documenti del tribunale. Quando arrivarono gli ufficiali, sembrò addormentarsi dentro la macchina. Tentò più volte di inserire la chiave nell’accensione, poi scese e saltò sulla mediana, secondo i documenti del tribunale. Quando gli ufficiali andarono ad arrestarlo, il signor Williams iniziò a agitare le braccia, secondo la denuncia. Ha gridato “Stammi lontano” e ha tentato di allontanarsi dalle manette dell’ufficiale. Gli agenti di polizia alla fine hanno usato una pistola stordente per domarlo, ha detto la Williams.

All’interno della sua auto hanno scoperto una sigaretta accesa che conteneva la droga allucinogena phencyclidine, o P.C.P., comunemente chiamata polvere d’angelo, secondo i documenti del tribunale. Fu accusato del possesso di una sostanza controllata, resistendo all’arresto e guidando sotto l’influenza. I pubblici ministeri hanno chiesto che il signor Williams fosse trattenuto su cauzione, ma un giudice lo ha rilasciato per suo riconoscimento. È stato inviato a Rikers Island per aver violato la sua libertà condizionale, ma è stato rilasciato di nuovo a gennaio 2019, ha dichiarato l’ufficio del procuratore distrettuale del Bronx. Lunedì era in tribunale per quel caso.

Il signor Williams aveva fatto lavori strani nel suo quartiere, disse sua nonna. Più di recente, aveva lavorato su un camion, raccogliendo vestiti donati dai cassonetti. Lo ha invitato a iscriversi a un programma di riabilitazione dalla droga e cercare di trovare un lavoro più stabile, ha detto. Successivamente la polizia ha incontrato il signor Williams il 4 febbraio 2020. Era malato fuori da una stazione di servizio e ha detto agli ufficiali che aveva la pressione alta.

I suoi segni vitali erano elevati e fu portato in ospedale, secondo un rapporto della polizia. Quattro giorni dopo, verso le 20:00 sabato, la polizia dice che il signor Williams si è avvicinato a un furgone della polizia parcheggiato a Hunts Point e ha chiesto indicazioni a due ufficiali. Mentre parlavano, il signor Williams tirò fuori una pistola e iniziò a sparare.

L’ufficiale che guidava il furgone, Paul Stroffolino, fu colpito da proiettili al collo e al mento, con i colpi che mancavano per poco alla sua carotide arteria. Il signor Williams ha quindi camminato per un isolato e ha ordinato cibo cinese per cena, ha detto il procuratore Namani. Dodici ore dopo, verso le 8 del mattino, il signor Williams entrò nella 41a stazione di Precinct e iniziò a sparare, colpendo un tenente veterano, Jose Gautreaux, al braccio. Un altro ufficiale è rimasto ferito nell’incidente.

Il video di sorveglianza dall’interno del distretto lo mostra mentre spara a diversi ufficiali e impiegati civili. Dopo aver finito i proiettili, si distese sul pavimento e fece scivolare la pistola verso gli ufficiali. “Questo è un tentativo premeditato di assassinio”, ha detto domenica il commissario di polizia Dermot F. Shea. Gli ufficiali sono stati rilasciati dagli ospedali della zona lunedì pomeriggio, mentre i loro colleghi li applaudivano. Il signor Williams è stato arrestato per la prima volta con l’accusa di rapina a soli 14 anni, ed è stato dentro e fuori di prigione per anni dopo.

polizia-bronx

Nel 1995, è stato condannato per rapina e inviato nello stato di correzione di Bare Hill. È stato rilasciato due volte in libertà vigilata e poi restituito due volte per violazioni, secondo i documenti del tribunale. Il signor Williams ha completato la sua condanna nel marzo 2001. Solo un anno dopo, ha sparato a una persona, ha dato un’auto a una donna per scappare e ha distrutto la macchina rubata. Quindi ha scambiato il fuoco con gli ufficiali che stavano cercando di catturarlo. Stava scontando una condanna a 18 anni per tentato omicidio quando è stato rilasciato nel 2017.

Lunedì, il signor Williams, il suo viso ancora gonfio per i colpi che ha assorbito quando è stato arrestato, ha guardato verso il basso mentre era in un tribunale pieno di ufficiali di polizia e leader dei sindacati di polizia della città. È detenuto a Rikers Island. La madre del signor Williams, Arvie Nelson, ha affermato che il sistema giudiziario penale non è riuscito a preparare suo figlio a una vita produttiva dopo due decenni di prigione.

Era stato in un programma di trattamento della droga dopo il suo rilascio, ha detto, ma si è rotto a pezzi quando suo figlio è morto. Di recente, la signora Nelson ha affermato di aver aiutato suo figlio a cambiare la sua assicurazione in modo che potesse beneficiare di cure farmacologiche. Ha detto che poteva essere una brava persona.

Gli piaceva giocare con le sue nipoti e i suoi nipoti e aiutare i vicini a portare borse pesanti su per i gradini. Ha detto di essere “dispiaciuta per quello che è successo agli sbirri” ma anche preoccupata per il fatto che suo figlio sembrava essere stato picchiato durante il suo arresto. “Due errori non danno ragione”, ha detto.

Fonte: New York Times

Leggi anche: Il trapper insulta la polizia e urina sui verbali in diretta Instagram, la Questura lo allontana dalla città per due anni.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)