Connect with us

attualità

Più morti che nati, Istat: 212mila italiani in meno in un anno.

Pubblicato

il

Nel 2019 in Italia si è registrato il livello più basso di “ricambio naturale” degli ultimi 102 anni.

Secondo i dati dell’Istat, a fronte di 435mila nuovi nati si sono contati 647mila decessi, con un saldo negativo di 212mila. Il numero medio di figli per donna è di 1,29, mentre l’età media del parto è di 32,1. I numeri vengono illustrati nell’annuale rapporto sugli indicatori demografici.

 

La crescita demografica

Si concentra particolarmente nel Nord, mentre si conferma il calo della popolazione nel Mezzogiorno. Secondo i dati Istat, lo sviluppo demografico più importante si è registrato nelle province autonome di Bolzano e Trento, rispettivamente con tassi di variazione pari a +5 e +3,6 per mille. Rilevante anche l’incremento di popolazione osservato in Lombardia (+3,4 per mille) ed Emilia-Romagna (+2,8).

La Toscana

pur con un tasso di variazione negativo (-0,5 per mille), è la regione del Centro che contiene maggiormente la flessione demografica e comunque l’ultima a porsi sopra il livello di variazione medio nazionale (-1,9).

 

Sud in calo 

Totalmente contrapposte le condizioni di sviluppo demografico nelle quali versano le singole regioni del Mezzogiorno, la migliore delle quali, la Sardegna, si attesta nel 2019 a ritmi di variazione della popolazione pari al -5,3 per mille. Particolarmente critica, infine, la dinamica demografica di Molise Basilicata che, in un solo anno, perdono circa l’1% delle rispettive popolazioni.

 

Residenti 55 milioni italiani, 5,4 milioni gli stranieri

Al primo gennaio 2020 gli stranieri residenti in Italia ammontano a 5 milioni 382mila, in crescita di 123 mila unita’ (+2,3%) rispetto a un anno prima. “Nel conteggio – spiega l’Istat – concorrono 220mila unità in più per effetto delle migrazioni con l’estero, 55 mila unità in più per effetto della dinamica naturale (63mila nati stranieri contro appena 8 mila decessi), 46mila unità in meno per effetto delle revisioni anagrafiche e, infine, 109mila unità in meno per acquisizioni della cittadinanza italiana”.

(Tgcom24)

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)