Campania. Usura ed estorsione: presi figli capoclan.

In manette i figli dei capoclan

Sono accusati di avere minacciato un imprenditore e la sua famiglia.

A questi avevano concesso un prestito da 40mila euro a tasso usuraio (30% annuo) crescente.

Usura, estorsione e tentata estorsione aggravati dal metodo mafioso:

Sono questi i reati contestati a quattro persone, tra le quali figurano anche Rita e Francesco Rinaldi (figli del capo clan Antonio Rinaldi ), a cui i carabinieri di Napoli e Chiavari hanno notificato tre arresti in carcere e un divieto di dimora nella provincia di Napoli.

Tutti sono stati sottoposti a fermo lo scorso 6 febbraio al termine di indagini scattate lo scorso ottobre riguardanti il prestito dato all’imprenditore vesuviano nel settembre 2018.

Per Francesco e Rita, di 32 e 36 anni, e per Salvatore Tibello, 38 anni, i giudici hanno disposto il carcere. Divieto di dimora invece per Luigi Striano, 25 anni. (ANSA).

 

Leggi anche: Bomba carta davanti allo studio del sindaco

ARTICOLI CORRELATI

Archivio