Connect with us

politica

Legge Spazzacorrotti, la Consulta boccia la retroattività: «Incostituzionale»

Pubblicato

il

spazzacorrotti

È illegittima l’applicazione retroattiva della Legge Spazzacorrotti. Lo ha stabilito la Corte costituzionale. La Corte costituzionale, spiega una nota, ha esaminato le censure sollevate da numerosi giudici sulla retroattività della legge Spazzacorrotti, che ha esteso ai reati contro la pubblica amministrazione le preclusioni previste dall’articolo 4 bis dell’Ordinamento penitenziario rispetto alla concessione dei benefici e delle misure alternative alla detenzione. E ha preso atto che, secondo la costante interpretazione giurisprudenziale, le modifiche peggiorative della disciplina sulle misure alternative alla detenzione vengono applicate retroattivamente, e che questo principio è stato sinora seguito dalla giurisprudenza anche con riferimento alla legge Spazzacorrotti.

La Corte ha dichiarato che questa interpretazione è costituzionalmente illegittima con riferimento alle misure alternative alla detenzione, alla liberazione condizionale e al divieto di sospensione dell’ordine di carcerazione successivo alla sentenza di condanna. Secondo la Corte, infatti, l’applicazione retroattiva di una disciplina che comporta una radicale trasformazione della natura della pena e della sua incidenza sulla libertà personale, rispetto a quella prevista al momento del reato, è incompatibile con il principio di legalità delle pene, sancito dall’articolo 25, secondo comma, della Costituzione.

«Io rispetto la decisione della Corte costituzionale, ora aspettiamo le valutazioni, ma dal comunicato si evince che la Corte chiarisce che una parte della legge “spazzacorrotti”, quella che riguarda l’irrigidimento dell’accesso ai benefici penitenziari, non si può applicare retroattivamente. Voglio tuttavia chiarire che non c’era una norma della legge spazzacorrotti che diceva che si doveva applicare retroattivamente, quella era una interpretazione che facevano i giudici, c’era un indirizzo giurisprudenziale su cui adesso la Corte interviene stabilendo che quella parte di norma non può essere applicata retroattivamente. Semplicemente questo» ha puntualizzato il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Fonte: Il Mattino

Leggi anche Sondaggi politici elettorali: scende la Lega, sale Fratelli d’Italia. Male Pd e M5S

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)