Connect with us

cronaca

Zaky resta in carcere: “Mi hanno picchiato, ma non ho fatto nulla”.

Pubblicato

il

zaky

La testimonianza durante lʼudienza: “Mi tengono in un posto terribile”

“Mi hanno tenuto bendato per 12 ore. Mi hanno picchiato in viso. Mi hanno fatto spogliare e mi hanno chiesto della mia ong e di alcuni post su Facebook, ma io non ho fatto nulla”.

Così si è difeso, durante l’udienza di sabato a Mansura, Patrick George Zaky, lo studente egiziano dell’Università di Bologna arrestato a Il Cairo per propaganda sovversiva. E quando i giornalisti italiani in aula gli chiedono “come stai?”, risponde: “Tutto bene”.

Ma così bene probabilmente non va

Secondo l’inviata di Repubblica, prima di essere riportato in cella al termine dell’udienza il giovane è riuscito ancora a dire che “mi tengono in un posto terribile: una cella con 35 detenuti e un solo bagno. Un grande stanzone con una porta piccolissima”. E a niente servono gli interventi degli avvocati, secondo cui lo studente “è stato fermato sulla base di prove false, di post pubblicati su un account Facebook che non appartiene a lui. Ed è stato picchiato, bendato, interrogato per ore senza un legale”.

 

Al termine dell’udienza lampo

il giudice ha deciso che Zaky deve restare in cella. “Fisicamente sta bene, ma è spaventato”, ha raccontato l’avvocato Houda Nasrallah. Comunque “sta molto meglio rispetto a giovedì”, quando ha ricevuto la visita dei parenti, ha detto Gasser Abed El Razek, il direttore esecutivo dell’organizzazione non-governativa “Eipr” per cui lavora Patrick.

 

I legali

Hanno ripercorso davanti al giudice la dinamica dell’arresto confermando che è iniziato con un illegale e prolungato sequestro da parte delle forze di sicurezza.

E poi hanno sottolineato la tortura, perpetrata anche con la bendatura degli occhi per 12 ore e l’umiliazione del denudamento.. E poi, al termine dell’udienza, hanno ammesso che “c’è delusione” dato che “avevamo sperato” in una scarcerazione proprio grazie alla presenza di giornalisti e “diplomatici, italiani inclusi”.

(Tgcom24)

Leggi anche: Ricorso rifiutato, Zaky resta in carcere

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)