Connect with us

economia

Coronavirus, stop a tasse, bollette e mutui per chi vive nella zona in quarantena.

Pubblicato

il

Gli aiuti economici per affrontare l’emergenza

E dopo le decisioni sulla salute sono in arrivo da parte del governo anche gli aiuti economici per affrontare l’emergenza coronavirus. Saranno adottate le misure straordinarie come se ci si trovasse di fronte ad una calamità naturale, tipo i terremoti. Sospensione quindi dei pagamenti di tasse e cartelle esattoriali ma anche delle bollette elettriche. Accesso più facile al Fondo di garanzia delle Pmi. E un accordo con l’Abi per mettere in stand by anche le rate dei mutui.

Nelle prossime ore sarà predisposto un nuovo decreto legge, e “in tempi molto rapidi”, le stesse misure di sostegno economico che si applicano in caso di terremoti e alluvioni. Il governo convoca al ministero del Lavoro sindacati e aziende, per coordinare gli interventi a tutela dei lavoratori.

 

I tecnici del ministero dell’Economia sono rimasti al lavoro

La sospensione dei pagamenti dovrebbe riguardare sia i tributi erariali che quelli locali, oltre al versamento dei contributi previdenziali.

 

Gli aiuti alle Pmi e stop ai mutui

Il Mef punta a inserire nel decreto anche facilitazioni per l’accesso delle imprese coinvolte dall’emergenza Coronavirus al Fondo di garanzia per le Pmi. E si sta valutando la fattibilità anche di altri interventi, come contributi per la ripresa delle attività una volta accertati i danni. In più, come fa sapere anche l’Abi, sono in corso in queste ore contatti con l’associazione delle banche per siglare un accordo che consenta anche la sospensione dei pagamenti delle rate dei mutui bancari.

 

Cassa integrazione straordinaria e aiuti a partite iva 

Intanto la titolare del Lavoro Nunzia Catalfo ha chiamato al ministero sindacati, imprese, artigiani, e ha annunciato l’estensione degli ammortizzatori sociali.

Compresa la cassa integrazione in deroga per le imprese sotto i 6 dipendenti, per proteggere i lavoratori delle aree dei focolai, non solo i residenti ma anche quelli che, pur abitando fuori dalle “zone rosse” resteranno a casa per le aziende chiuse.

La velocità della convocazione ha incontrato il favore delle parti sociali, che aspettano però, come ha sottolineato il leader della Cgil Maurizio Landini, misure che tutelino non solo i dipendenti ma anche “autonomi e partite Iva”.

 

Smart working straordinario per dipendenti pubblici

E servirà un confronto pure sui lavoratori pubblici, dicono anche Cisl e Uil, che chiedono di proporre a Bruxelles di scomputare queste spese eccezionali per gli ammortizzatori dal fiscal compact. Per i dipendenti pubblici Fabiana Dadone ha preannunciato che si sta lavorando per ampliare il lavoro agile. Smart working, andando anche oltre i limiti di legge e dei contratti collettivi, ha aggiunto Catalfo, è una delle strade da implementare anche per i dipendenti privati.

(Tgcom24)

Leggi anche: 

Coronavirus, in Italia i contagi raddoppiati in sole 24 ore

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)