Connect with us

cronaca

Coronavirus, la cacciatrice del paziente zero: “Il virus circolava da molto tempo, ora non serve più cercare chi l’ha portato”.

Pubblicato

il

Non hanno fatto viaggi in Cina. Non hanno avuto contatti con persone tornate dalla Cina.

Raramente escono di casa. Vivono da soli. Non hanno frequentato luoghi a rischio. Tutti i loro famigliari sono negativi al virus.

E allora, com’è che i due anziani di Venezia – il primo di 86 anni, il secondo di 88, residenti in due quartieri distinti del centro storico e ora ricoverati all’ospedale Civile – hanno il Coronavirus?

Nove giorni dopo la scoperta del focolaio veneto, questo è il più oscuro dei misteri che l’indagine epidemiologica dei “cacciatori di virus” dovrà chiarire.

“Una spiegazione plausibile c’è…”, dice la dottoressa Francesca Russo.

“La storia dei due anziani dimostra che il virus circola in Europa da molto tempo, almeno da un mese prima rispetto a venerdì 21 febbraio, quando sono stati diagnosticati i due casi di Vo’. E questo, ora, rende del tutto inutile la ricerca del paziente zero”. La dottoressa Russo guida la Direzione Prevenzione e sicurezza alimentare del Veneto, a lei fa capo il team di medici dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica (Sisp) delle Asl coinvolte dall’epidemia.

Può spiegare meglio?
“Riteniamo che il virus circolasse sotto traccia da tempo, insieme con il normale virus influenzale. Nei soggetti debilitati, però, ha provocato polmoniti. Il virus è arrivato in Europa in un momento imprecisato e ha dato luogo ai primi contagi in Germania, poi in Francia, e poi abbiamo avuto i nostri. Può essere stato portato in Italia da chiunque”.

Sta dicendo che era impossibile bloccarlo?
“Esatto. Essendo presente anche negli asintomatici, cioè in persone che stanno bene e non hanno tosse o febbre, non c’erano misure realistiche per proteggere il Paese dall’epidemia. E non sappiamo chi sia il paziente zero dell’Italia: può essere uno straniero, ad esempio un turista tedesco, francese o cinese, oppure un italiano di rientro dall’estero”.

La vostra indagine a cosa è arrivata?
“In questo momento rileviamo due situazioni di contagio: la prima è legata al criterio epidemiologico, cioè riguarda soggetti infetti che provengono dalla Cina oppure che si sono contagiati qui stando a contatto con loro; la seconda riguarda i casi che si sono manifestati perché il virus circola in Europa. Non è corretto dire in Italia, meglio dire in Europa”.

E perché non serve più trovare il paziente zero?
“Perché il livello di attenzione si è alzato su entrambi i fronti”.

Adesso i tamponi vengono fatti solo a pazienti con sintomi, prima li facevate a tutti. È stato un errore?
“Ci siamo attenuti alle direttive ministeriali. E fare i tamponi agli asintomatici ci ha comunque fatto capire che può risultare positiva anche la persona che non ha viaggiato e sta benissimo”.

Come è nato il contagio a Vo’, dove ad oggi ci sono 78 casi confermati?
“Ipotizziamo che possa essere stato causato da qualcuno proveniente dalla Cina, perché il cluster è molto ampio ed è legato alla frequentazione di un locale pubblico”.

Però gli otto cinesi del paese sono risultati negativi al test.
“Sì, ma è anche vero che due di loro erano tornati dalla Cina appena venti giorni prima dell’esame. Potrebbero essersi ‘negativizzati’, quindi stiamo facendo ulteriori approfondimenti”.

Il locale pubblico in questione è un B&B. Può essere che a portare il virus sia stato un turista di passaggio?
“Sì. Una ventina di clienti è stata rintracciata dal ministero della Salute per essere sottoposta al tampone”.

Il cluster di Vò è collegato agli altri del Veneto o a quello di Codogno?
“Al momento non ci risulta”.

(LaRepubblica)

Leggi anche: 

Coronavirus, positivi altri 2 medici a Milano

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)