Caso Botteri-Striscia la Notizia, la giornalista a Fazio: «Ho messo la giacca per te».

7 mesi fa
4 Maggio 2020
di nunzia d'aniello

Giovanna Botteri e la frecciatina a Striscia la notizia da Fazio: “Ho la giacca”

Nelle ultime ore a dividere il mondo dei social è il servizio di Striscia la notizia nei confronti della giornalista Rai Giovanna Botteri, ritenuto da molti un caso di body shaming. Nel filmato del tg satirico di Antonio Ricci si dava conto degli attacchi ricevuti sui social dalla corrispondente dalla Cina per il look con cui si presenta in video – a detta di alcuni non sufficientemente curato – e si raccontava con tono ironico che la sera del 24 aprile la giornalista si è presentata in onda dopo essersi fatta uno shampoo “in risposta alle tante frecciate velenose”.

Un servizio che ha fatto storcere il naso a molti

E che ha attirato molte critiche alla conduttrice di Striscia Michelle Hunziker, la quale ha poi rimandato al mittente le accuse parlando di fake news in merito al presunto body shaming. Ieri, 3 maggio 2020, Giovanna Botteri si è collegata con la trasmissione di Fabio Fazio Che tempo fa per parlare dell’evoluzione dell’emergenza Coronavirus in Cina. “Mi vedi con la giacca, Fabio? L’ho messa per te”, ha esordito la giornalista, lanciando così un’evidente frecciatina a Striscia. “Tu sei sempre elegante. Non è la giacca che ti fa elegante, sei tu che fai elegante la giacca, anche se il chroma key ti fa i capelli verdi”, ha risposto Fazio. Qui il video dalla puntata del 3 maggio di Che tempo che fa:

Per chi si fosse perso qualche passaggio della vicenda, ripercorriamo quanto accaduto.

Dopo la messa in onda del servizio di Striscia il 28 aprile, la corrispondete Rai ha risposto con una lettera, in cui ha ribadito di non dare troppa importanza al suo look ma di pensare a fare bene il suo mestiere. Travolta dalle critiche, Michelle Hunziker ha risposto con un video pubblicato sui social. Infine la lettera di Striscia su Dagospia.

La lettera di Giovanna Botteri

Di seguito alcuni passi della lettera aperta di Giovanna Botteri. “Mi piacerebbe che l’intera vicenda, prescindendo completamente da me, potesse essere un momento di discussione vera, permettetemi, anche aggressiva, sul rapporto con l’immagine che le giornaliste, quelle televisive soprattutto, hanno o dovrebbero avere secondo non si sa bene chi. Qui a Pechino sono sintonizzata sulla Bbc, considerata una delle migliori e più affidabili televisioni del mondo. Le sue giornaliste sono giovani e vecchie, bianche, marroni, gialle e nere. Belle e brutte, magre o ciccione. Con le rughe, culi, nasi orecchie grossi. Ce n’è una che fa le previsioni senza una parte del braccio. E nessuno fiata, nessuno dice niente, a casa ascoltano semplicemente quello che dicono”.

Striscia la notizia: la replica di Michelle Hunziker

Michelle Hunziker ha replicato alle polemiche in una storia su Instagram. “Ho visto che si è alzato un polverone incredibile su una fake news totale, cioè dicono che noi abbiamo offeso pesantemente una giornalista che si chiama Giovanna Botteri, cosa assolutamente non vera”, dice Hunziker. “Perché noi con ‘Striscia’ abbiamo mandato in onda un servizio a favore di questa giornalista, dicendo che tanti media e molti social l’hanno presa in giro per il suo look e invece noi prendiamo atto del fatto che si è fatta un’ottima e una bellissima messa in piega”. “Questo – prosegue la conduttrice – non è attaccare una persona, è rimanere nei toni di ‘Striscia’ come sempre e soprattutto non è body shaming. Va bene? Cerchiamo di andarle a vedere le cose prima di accusare?”.

La risposta di Striscia

Questa la lettera di Striscia la notizia sul caso Giovanna Botteri, pubblicata in anteprima da Dagospia: “Caro Dago, ecco un esempio di fake news. Striscia fa un servizio a favore di Giovanna Botteri, ma molti commentatori che esprimono opinioni per sentito dire, nonché Ilfattoquotidiano.it, scrivono che ce la siamo presa con lei. Diciamo subito che per non cadere nell’errore sarebbe bastato ascoltare il rientro in studio di Gerry Scotti: “Brava, brava Giovanna, vai avanti così nel tuo importante lavoro e non badare a chi sta a guardare il capello…”.

Dopo il servizio andato in onda nella puntata di Striscia il 28 aprile scorso, dove si dava conto della fresca messa in piega dell’ottima Giovanna Botteri, siamo stati accusati di aver fatto volgare ironia sul suo aspetto fisico. In realtà è da tempo che su alcuni media e nei social Giovanna Botteri viene presa di mira per il suo look, a detta di molti non particolarmente curato. E il servizio di Striscia, partiva proprio da questo per mostrare come Giovanna nell’ultimo collegamento da Pechino avesse sfoggiato una nuova pettinatura, quasi a smentire le critiche malevole piovutele addosso. Insomma, parliamo di cose serie e certamente il bodyshaming lo è e va combattuto con ogni mezzo, ma non confondiamolo con una messa in piega.(Tpi)
Leggi anche: Giovanna Botteri attacca Striscia la Notizia su bodyshaming: “Scardiniamo modelli stupidi”/ Caso Botteri, Ferrario contro Hunziker: «A 43 anni ti comporti come un’oca, chiedi scusa».
Seguici Facebook: 41esimoparallelo