Connect with us

Gossip

Irene Pivetti furiosa in diretta da Barbara d’Urso: “Solo io ho portato in Italia 13 milioni di mascherine”.

Pubblicato

il

infuriata

Irene Pivetti fuoriosa a Live Non è la D’Urso

Irene Pivetti è senza riserve in diretta, ospite ieri al Live-Non è la D’Urso, la trasmissione della domenica sera su Canale 5 di Barbara D’Urso. L’ex presidente della Camera è indagata per le mascherine che avrebbe importato dalla Cina. La Procura sta indagando e anche la Corte dei conti vuole vederci chiaro. Secondo l’accusa sarebbero dispositivi senza opportuni certificati, ma la Pivetti è pronta a difendersi dimostrando di essere innocente.

Contestata dal giornalista Gianluigi Nuzzi, le dichiarazioni al vetriolo

Sono ottime mascherine come tutte quelle importante dalla Cina. Quando le ho vendute al distributore non c’era la norma dell’Inail”, tuona la Pivetti. “Il primo mese è stato di guerra per reperire le mascherine. Nel primo mese ho speso 1,6 milione di euro di anticipo per comprare dei carichi di mascherine”, continua l’ex presidente della Camera. “Sforzi e fatiche: alla fine siamo riusciti a portare le mascherina in Italia”. Nuzzi attacca la Pivetti.

Ho portato in Italia 13 milioni di mascherine. Non si permetta a dire che non hanno certificati”, urla la Pivetti. “Per ciascuna mascherina abbiamo un dossier di mascherine”.  Lo scontro Nuzzi- Pivetti continua sulle mascherine importante dalla Cina che sarebbero state utilizzate negli anche in alcuni ospedali italiani. “Le sue mascherine hanno il marchio CE che vuol dire Cina Export e non Comunità Europea”, dice Gianluigi Nuzzi che contesta le affermazioni di Irene Pivetti. Fonte: LiberoQuotidiano
Leggi anche: Barbara D’Urso non si ferma: In onda fino a giugno. La decisione di Mediaset.
Seguici su 41esimoparallelo

 

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)