Operai rifanno le strisce sulla strada e passano sopra al gatto verniciandolo

3 giorni fa
1 Agosto 2020
di nunzia d'aniello

Gatto morto in strada, gli operai rifanno la segnaletica passandoci sopra. Le immagini parlano da sole. Raccontano di un lavoro di rifacimento della segnaletica orizzontale lungo una strada di campagna che ha lasciato esterrefatti automobilisti e passanti.

Siamo a Calopar, piccolo comune di poco meno di 4mila anime nel distretto di Dolj, in Romania.

Non c’è molto traffico, anche perchè gli operai addetti alla manutenzione stradale sono al lavoro: devono verniciare la striscia bianca continua che separa la carreggiata.

Così, in men che non si dica, accendono i motori delle macchine e partono.

Il lavoro procede spedito. Talmente veloce che non si accorgono di un povero gatto che, ormai morto e steso sull’asfalto, probabile vittima di un investimento, si trova proprio al centro della strada.

Non è chiaro se gli addetti alla manutenzione, non abbiano fatto caso al povero animale. Fatto sta che il getto di vernice, come illustrato dalla triste immagine diffusa sui social da Tudor-Tim Ionescu, lo colpisce in pieno verniciandolo, come fosse stato un mucchio di foglie portato dal vento. Come fosse stato niente.

Quante volte è capitato di vedere animali in strada che giacevano morti.

Troppe volte si sono visti gatti, cani e altri animali morti investiti da auto. E mai nessuno si prende la responsabilità di togliere il corpo dalla strada.

Andrebbe fatto primo, in segno di rispetto dopo aver ucciso una creatura, e secondo per non creare altri incidenti.

Ci vorrebbe un po’ più di attenzione nei confronti di questa tematica, sia da parte degli addetti alla strada che da chi la traffica.

Inoltre è bene ricordare di fare sempre attenzione, poiché a volte questi poveri randagi si trovano in mezzo alla strada da soli. E se non ci si vuole fermare per salvarli, almeno che si stia attenti a non investirli.(Leggo/Yeslife)
Leggi anche: Regno Unito, gatto positivo al Coronavirus: è il primo caso
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo