Virus, nuovi contagi nella clinica nel Napoletano: cresce la paura in città

2 mesi fa
12 Agosto 2020
di nunzia d'aniello

Virus, nuovi contagi nella clinica di Aversa. Stando a quanto ci perviene, salgono a otto i contagi al Coronavirus tra il personale medico ed infermieristico della clinica Villa dei fiori di Acerra, dove sono stati effettuati circa 100 tamponi tra gli stessi operatori sanitari ed i degenti.

Lo rende noto il sindaco Raffaele Lettieri

Il quale ha sottolineato che al momento sarebbero arrivati i risultati di circa la meta’ dei tamponi effettuati.

I contagi in tutto, sarebbero nove, di cui uno, il paziente del reparto cardiologia risultato positivo al tampone dopo due test sierologici negativi, e’ stato trasferito al Cotugno di Napoli.

Le dichiarazioni di Lettieri

”Per ora – ha spiegato Lettieri – sono otto gli operatori sanitari contagiati, e solo uno e’ residente ad Acerra.

Attendiamo l’esito dell’altra meta’ dei tamponi effettuati finora.

Abbiamo appreso anche che migliorano le condizioni del paziente risultato positivo ieri, che pero’ e’ stato trasferito al Cotugno di Napoli’.

Un medico che rientrava dalle vacanze
Uno dei medici risultati positivi era rientrato dalle vacanze ed aveva chiesto di essere sottoposto agli esami del caso. “L’Asl – ha detto il sindaco – sta proseguendo gli accertamenti per individuare le persone potenzialmente esposte.

Noi ricordiamo a tutti i cittadini di continuare ad osservare le misure poste in essere per la prevenzione ed il contrasto al covid-19: mascherina nei luoghi pubblici e ovunque sia impossibile tenere la distanza fisica, igiene delle mani e distanziamento”. (ANSA)

Coronavirus in Campania: c’è un’altra vittima dell’ex zona rossa

La provincia di Caserta conta il 47esimo morto da Coronavirus. Emerge dal report pubblicato dall’Asl: si tratta di un 85enne di Mondragone, che era ricoverato da circe due mesi all’ospedale Cotugno di Napoli per altre patologie. In seguito scoperto positivo al Covid-19.

Si tratta di un contagio non collegato al focolaio scoppiato a Mondragone, nel quartiere dei palazzi Ex Cirio, tra fine giugno e inizio luglio. Focolaio ormai spento, visto che al momento nel comune del litorale casertano risulta solo un positivo.

Nei giorni scorsi era deceduta un’anziana di Conca della Campania, paesino dell’Alto-Casertano dove era emerso un altro piccolo focolaio legato ad una badante dell’est Europa. Altre due positività sono inoltre emerse a Castel Volturno, come reso noto su facebook dal sindaco Luigi Petrella.

Si tratta di una coppia

«Si tratta di una coppia marito e moglie rispettivamente di 37 e 31 anni. Ad oggi – ha proseguito – riscontriamo in totale sette casi positivi al Covid 19 sul territorio, uno solo di essi ricoverato, ed altri sei in quarantena domiciliare obbligatoria con assistenza da parte della struttura medica Covid dell’Asl e vigilati ed assistiti della Polizia Municipale e dalla Protezione Civile».

La persona ricoverata al Covid Hospital di Maddaloni è un operatore 50enne dello Sprar di Caserta, tutti gli altri vanno verso la guarigione.
Leggi anche: Virus, positivo bimbo dell’asilo nido. Scatta l’allarme, bambini in isolamento 
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo