Nuovo Dpcm, Conte ci ripensa e fa un passo in dietro: tutte le novità

1 settimana fa
18 Ottobre 2020
di nunzia d'aniello

Nuovo Dpcm, Conte frena. Sembra scongiurata, infatti, la chiusura, almeno per il momento, di barbieri, parrucchieri e centri estetici. La volontà di alcuni esponenti di Governo di blindare di nuovo una parte delle attività commerciali non ha trovato l’appoggio dell’Esecutivo. Prende quota invece la serrata imposta a palestre e piscine.

Il nuovo DPCM

Che il premier Conte dovrebbe illustrare oggi, con le misure di contenimento del contagio da Coronavirus, potrebbe prevedere la chiusura dei bar e dei locali alle 21, e dei ristoranti alle 24 (o 23).

Nella serata di ieri

Il premier ha avuto una riunione fiume con i capidelegazione della maggioranza su quanto dovrà prevedere il nuovo decreto. Sugli orari, però, al momento si tratta di ipotesi, nessuna decisione è stata ancora presa.

Nulla è deciso e fonti di governo definiscono “prematuro” sbilanciarsi su ogni ipotesi: non solo nella giornata di oggi ci sarà il confronto con le Regioni, ma proseguirà anche quello nel governo.

Il Ministro Bellanova

Si sarebbe opposta a una chiusura anticipata dei ristoranti alle 22, caldeggiata da altri ministri. La capo delegazione di Iv si sarebbe anche opposta allo stop a fiere e congressi.

Dopo un confronto lungo oltre 3 ore del premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza e i ministri Roberto Gualtieri e Francesco Boccia, non si hanno ancora certezze sulle misure anti contagio che entreranno nel nuovo DPCM.

Al momento si parla di orari scaglionati per la scuola, palestre chiuse, stop a bar e pub dalle 21, ai ristoranti dalle 23 o 24.

Serviranno un altro confronto con le Regioni e i Comuni e una discussione finale nel governo, prima che Conte – probabilmente nella serata di oggi – annunci al Paese la nuova stretta.

Manca l’accordo ancora su diversi aspetti, decisivo potrebbe essere il confronto con gli enti locali, in particolare in riferimento allo stop a fiere e congressi, e all’ipotesi di vietare di consumare alcolici in piedi fuori dai locali dalle 18.

Come suggerito dal CTS

La nuova stretta dovrebbe puntare sullo smart working e sullo scaglionamento degli orari delle scuole superiori, con l’ipotesi di ingresso alle 11 e una quota di didattica a distanza per alleggerire i trasporti (non si esclude neppure una riduzione della capienza massima degli autobus).

Possibile anche lo stop agli sport di contatto dilettantistici, la chiusura di palestre e piscine.

Molto discusse anche misure anti movida e un possibile “coprifuoco“: il timore è che la chiusura di bar e pub alle 21, ristoranti alle 24, possa pesare su un settore già in grande difficoltà.(Strettoweb)
Leggi anche: Arriva il nuovo Dpcm. Conte stringe la cinghia: weekend blindati. Soluzioni più rigide per la Campania
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo