“Una corsa per Chico”, taxi, clacson da Bologna fino in Florida… per portarlo a casa

di Nunzia D'Aniello
4 mesi fa
12 Dicembre 2020

Una corsa per Chico Forti, magari da Bologna fino in Florida… per portarlo a casa. Se fosse pensabile, se fosse possibile. Ma noi ci speriamo così come ci spera lui, Gabriele Sabbatini, l’ideatore di questa grande “corsa” tra le vie di Bologna, che ha voluto in qualche modo dare supporto al nostro connazionale, “ingabbiato” nel sogno americano.

L’intento è quello di svegliare, smuovere la coscienza dei tanti, ma soprattutto dei “più”, quelli della stanza dei bottoni, quelli che possono davvero fare qualcosa.

E quel qualcosa si traduce in una sola parola: “casa” per noi, “home” oltre l’Oceano.

Una gran moltitudine di taxi e clacson che all’unisono gridano giustizia per Chico Forti e che sfileranno per circa due ore nel centro di Bologna. Per svegliare non solo una delle città più care a Chico, ma e soprattutto chi, o dorme ancora oppure è rimasto anch’egli ingabbiato in quel sogno diventato un incubo.

“Ho conosciuto Chico e la sua storia, grazie al servizio de Le Iene – dichiara Gabriele – e da lì ho incominciato a documentarmi sulla sua vicenda. Chi fosse, perchè, come è possibile… Poi mi sono ripromesso che appena sarei riuscito ad ottenere la licenza per il mio taxi, visto che all’epoca avevo un distributore, ma avevo in progetto di cambiare attività, avrei dedicato la tela della mia auto a lui”.

Prosegue Gabriele entusiasta

“Volevo fare qualcosa di concreto anch’io, qualcosa che portasse Chico ancor di più nelle case delle persone, ma soprattutto nei loro cuori, così come è successo a me.

Chico è diventato un mio amico, lo considero tale pur non avendo mai avuto la possibilità di conoscerlo. Ma mi sono particolarmente emozionato ascoltando la sua vicenda. E’ un uomo che mi ha colpito nell’animo… per la sua forza e il suo coraggio. E una persona così merita giustizia.

Certo non spetta a me. Ma offrendo un servizio pubblico, di piazza, potevo dar voce alla sua storia. Così nasce “La tela di Chico”, la mia auto, il mio taxi dedicato a lui.

E il tutto grazie all’aiuto in primis di una delle sue più forti sostenitrici, la Sig.ra S.B. che ha sposato la mia idea e ha fatto sì che insieme a tutto il movimento, si realizzasse innanzitutto il mio desiderio di portare il nostro amico in giro per Bologna, poi di aiutarmi a coinvolgere il Cat, ovvero il Consorzio Autonomo Taxisti al quale appartengo.

Devo dire che inizialmente avevo un pò paura, riuscire a coinvolgere tutti non era facile, ma il presidente della cooperativa, Pedrucci Giordano è stato magnifico. Non solo ha sposato la mia idea e il mio progetto, ma lo ha portato in Consiglio facendo in modo che tutti aderissero all’iniziativa”.

“Sono e siamo consapevoli che siamo riusciti, senza alcun dubbio, a mettere su una grande “sfilata” se così la si può dire ed è doveroso da parte mia ringraziare anche Paolo Pipitone, uno degli organizzatori del movimento di Bologna e Antonio di Massa Lombarda che ha realizzato le grafiche per il mio taxi, ma ovviamente chi deve fare qualcosa non siamo noi.

Ci auguriamo, però, che questa corsa, questa lunga tela di Chico possa quanto meno non far dimenticare che c’è un nostro amico che da 21 anni chiede di poter fare una “corsa” in Italia, chiede di poter rientrare a casa”. (di Nunzia D’Aniello)

Partecipa anche Tu: “UNA CORSA PER CHICO”

MANIFESTAZIONE C.A.T. TAXI BOLOGNA – Domenica 13.12.2020 una GRAN MOLTITUDINE di Taxisti sfileranno per le strade di Bologna per far rientrare SUBITO Chico Forti in Italia : si parte da Piazza della Costituzione in Fiera alle 10:30 imboccando via Stalingrado, via Mascarella, via Irnerio, via dei Mille, Piazza dei Martiri, via Marconi, Piazza Malpighi, via Nosadella.

Concentramento Porta Saragozza dentro Porta: INCONTRO CON I MASS MEDIA

Poi si torna dal viale direzione porta Sant’Isaia, Porta San Felice sino alla stazione, via Stalingrado e chiusura con concentramento – Viale Aldo Moro SEDE REGIONE intorno alle 12.00.

C.A.T. Consorzio Autonomo Taxisti con Chico Forti
Radiotaxi CAT Bologna
Leggi anche: Chico Forti? “Una dannata commedia”. La vera storia del surfista-imprenditore condannato all’ergastolo in Usa
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo