“Adesso basta, riaprite le scuole”, nuova ordinanza in Campania ma è guerra aperta. La decisione del sindaco

di Angela Capasso
3 mesi fa
14 Dicembre 2020

E’ guerra aperta tra il sindaco di Avellino (in Campania), Gianluca Festa, e un gruppo di genitori che chiedono la riapertura delle scuole d’infanzia fino alla seconda elementare.

Ordinanza bocciata in Campania

Questi ultimi, otto genitori, hanno vinto il primo round davanti al Tar della Campania. Quest’ultimo ha bocciato l’ordinanza dell’8 ottobre scorso con la quale il sindaco disponeva la chiusura fino al 22 dicembre.

Il decreto

con il quale il presidente Leonardo Pasanisi, in forma monocratica e inappellabile, ha ravvisato vizi di legittimità di “eccezionale gravita’” contenuti nell’ordinanza, e’ rimasto pero’ lettera morta.

La nuova ordinanza del sindaco

Nella giornata di ieri il sindaco Festa ha firmato una nuova ordinanza con la quale conferma la chiusura delle scuole alla luce, in primo luogo, della situazione sanitaria.

Dal 16 novembre all’11 dicembre la percentuale dei contagi rispetto ai tamponi effettuati e’ passata dal 6% all’11,5%, in forte controtendenza con il resto della Campania.

Festa ha anche sottolineato un certo numero di docenti contagiati e di altri posti in quarantena che sconsigliano precauzionalmente la riapertura delle scuole.

La protesta dei genitori in Campania

In questo e’ sostenuto da un fronte largamente maggioritario di dirigenti scolastici, insegnanti e famiglie. Ma non dai genitori che hanno dato vita al comitato spontaneo “Riaprire le scuole”.

Questi ultimi hanno scritto al presidente Sergio Mattarella, al presidente della Corte Costituzionale e al governo. Sono stati chiesti interventi adeguati rispetto “al comportamento sprezzante del sindaco” nei confronti delle leggi che regolano lo Stato di diritto.
Leggi anche De Luca chiude la Campania, l’annuncio del governatore: “Niente cenoni altrimenti il 2021 sarà terribile”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo