De Luca non cede: “In Campania non si apre”. Nuovo scontro con Conte e Azzolina: “Adesso basta, si torna in classe”

di Angela Capasso
4 mesi fa
23 Dicembre 2020

Potrebbe andare in scena un nuovo atto dello scontro tra il premier Giuseppe Conte e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Sull’input della ministra Lucia Azzolina, il governo è pronto a far tornare gli studenti in classe dal 7 gennaio.

Il governatore campanoinvece ha già fatto capire che si potrebbe prendere altro tempo prima di permettere la didattica a distanza. “Decideremo a gennaio ma ho i miei dubbi”, aveva dichiarato.

Ora c’è anche la presa di posizione del premier che, in una intervista a ‘Porta a Porta’, ha affermato: “Con le prefetture a livello provinciale c’è un tavolo dei ministri da giorni per coordinarsi e trovare soluzioni flessibili” per il ritorno a scuola il 7 gennaio.

“Ho raccomandato perché ci sia un’apertura differenziata scuola per scuola, paese per paese. Nel segno della flessibilità: è l’unica possibilità che abbiamo per evitare criticità che si concentrano anche sui trasporti. Dobbiamo ripartire con la didattica a distanza almeno al 50% per le scuole superiori di secondo grado, con il massimo di flessibilità”.

De Luca lo aveva annunciato giorni fa

A gennaio una nuova ordinanza per la riapertura o l’eventuale proroga della chiusura delle scuole. A confermarlo è il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in queste ore. “Ho i miei dubbi, si vedrà a gennaio”

Le parole del presidente della Commissione Trasporti in Campania Cascone

Su questo è intervenuto anche il presidente della Commissione Trasporti della Regione Campania, Luca Cascone. Il presidente sta lavorando per contenere l’impatto sul trasporto pubblico locale in concomitanza della riapertura delle aule a gennaio, al fine di scongiurare gli assembramenti che si sono registrati lo scorso ottobre.

La proposta sarebbe quella di differenziare l’orario dell’ingresso in aula degli studenti. A riportarlo è Le Cronache, in un’intervista rilasciata al quotidiano.

“Il 40% alle ore 8, il restante 60% alle ore 10”. In questo modo ci sarebbe una minore sovrapposizione di presenze con i pendolari che vanno in ufficio o che devono aprire i propri negozi. Si sta pensando anche ad uno slittamento degli orari di avvio delle attività produttive e commerciali. Un cambiamento davvero ‘particolare’ per i cittadini che si vedranno modificare in questo modo le proprie abitudini.

Le parole di De Luca

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervenuto alla Stazione marittima di Napoli alla cerimonia di consegna di 259 autobus alle aziende del trasporto pubblico campano, sulla questione scuole: ”Queste nuove forniture di pullman nuovi saranno un aiuto importantissimo per consentire di avere trasporto scolastico meno affollato, se riprenderà l’anno scolastico come si prevede. Cosa per la quale ho i miei dubbi, ma decideremo a inizio gennaio”.
Leggi anche De Luca sblocca i fondi, arriva un nuovo bonus per le famiglie in Campania. Ecco a chi spetta e come ottenerlo
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo