Nuova ordinanza in Campania, anche il sindaco di Napoli prende provvedimenti. Forze dell’ordine ovunque e chiusure. Le disposizioni

di Angela Capasso
5 mesi fa
23 Dicembre 2020

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, ha stabilito che nelle giornate del 24 e 31 dicembre non ci sara’ una chiusura preventiva di alcuna strada cittadina. Ci sara’ invece una forte intensificazione dei controlli anti assembramenti in 31 strade e chiusure ‘particolari’.

Nell’ordinanza, de Magistris sottolinea anche che “le forze deputate all’ordine pubblico e sicurezza ravvisino il verificarsi di assembramenti in contrasto con le misure di prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19.

E’ prevista quindi l’interdizione delle aree per il solo tempo strettamente necessario a ripristinare le necessarie condizioni di sicurezza. Fatta sempre salva la possibilita’ di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.

Le strade potranno quindi essere chiuse all’accesso fino a quando non viene disperso l’assembramento. L’ordinanza non dispone quindi alcuna chiusura preventiva di strade o piazze. Ma individua “aree cittadine in cui, per comportamenti consuetudinari, si ritiene piu’ elevato il rischio di affollamenti”.

L’ordinanza

fa riferimento al dpcm in cui “nei giorni 24 e 31 dicembre – si legge – si applicano le misure della cd zona rossa. Per le quali, tra l’altro, pur essendo sospese le attivita’ dei servizi di ristorazione resta comunque consentito l’asporto fino alle ore 22”.

De Magistris ricorda anche che il prefetto gli ha rappresentato il forte pericolo di assembramenti di persone presso bar e attivita’ commerciali. Questo a causa del forte radicamento tra gli abitanti della citta’ della consuetudine degli aperitivi nelle giornate antecedenti il Natale e il Capodanno.

Il Comune di Napoli

ha quindi stilato un elenco di 31 strade e piazze cittadine, proposto dal Questore di Napoli durante la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica tenutasi in Prefettura lo scorso 16 dicembre.

A unanime avviso del prefetto e dei responsabili delle forze di polizia, si potrebbero verificare stazionamenti di persone all’esterno dei locali per la consumazione di alimenti e bevande. Tra le 31 aree individuate ci sono tutte le strade dei cosiddetti “baretti” di Chiaia e zone del centro storico.
Leggi anche De Luca sblocca i fondi, arriva un nuovo bonus per le famiglie in Campania. Ecco a chi spetta e come ottenerlo
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo