Connect with us

politica

Conte è preoccupato per una nuova ondata di contagi: “Chiederò altri sacrifici agli italiani”

Published

on

Conte

Conte è preoccupato per una nuova ondata di contagi: “Chiederò altri sacrifici agli italiani”. E’ quanto traspare in una battuta ‘rubata’ dal Tg3 al presidente del Consiglio, intercettato in una conversazione con una commerciante nel corso di una ‘pausa caffè’ nei pressi di palazzo Chigi.

“Sta arrivando una impennata del contagio di coronavirus“, ha detto Conte, “Gran Bretagna, Germania, Irlanda, adesso sta arrivando anche da noi. Non sarà facile, dobbiamo ancora fare sacrifici“.

Domani riunione Cdm, si attendono novità

Preoccupazione che induce il Governo a correre per approvare le misure necessarie. “Domani sera dobbiamo fare il Consiglio dei ministri per approvare il Recovery Plan“, ha concluso il premier, “lavoriamo per costruire, il momento è così difficile che dobbiamo mettercela tutta per offrire risposte ai cittadini“.

Governo al lavoro anche per varare il nuovo dpcm di cui sono emerse le prime indiscrezioni.Si aprirà domani la settimana che porterà al nuovo dpcm. Gli incontri, intanto, sono già cominciati. Il premier Giuseppe Conte ha visto i capi delegazione quest’oggi e domani mattina, alle 10:30, si confronterà con i governatori delle Regioni.

Nuovo Dpcm, cosa aspettarci

Emergono, intanto, quelle che sono le prime idee che dovranno essere ratificate in base a scadenze ben precise. Entro il 15 gennaio il nuovo dpcm dovrà essere approvato in maniera definitiva, in modo da entrare in vigore il giorno successivo, ma già mercoledì 13 dovrà essere illustrato dal ministro della salute Roberto Speranza.

La prima mossa del governo dovrebbe essere quella di estendere lo stato di emergenza, attualmente in vigore fino al termine di gennaio, prorogandolo al 31 giugno 2021.

Italia a zone

Si andrà avanti con il sistema dei colori, anche se dovrebbero essere rivisti i parametri, ma l’intenzione è quello di far diventare i weekend arancioni in tutta Italia, proprio come è stato per questo del 9 e 10 gennaio. Sabato e domenica in arancione indipendente dal colore regionale, il che vorrebbe dire libertà di spostamenti all’interno del proprio comune, negozi aperti ma bar e ristoranti chiusi.

Potrebbero essere vietati gli spostamenti anche tra regioni gialli e sarà confermato il coprifuoco che rimarrà fissato alle ore 22. Al vaglio, però, ci sarebbe l’intenzione ‘contrastare’ ulteriormente la movida vietando l’asporto dalle 18 esclusivamente per i bar e consentendo solo le consegne a domicilio.

La novità dovrebbe essere dall’introduzione delle zone bianche, ma i criteri dovranno ancora essere stabiliti. L’Italia, insomma, dovrà continuare a fare i conti con le restrizioni in virtù di numeri ancora preoccupanti.
Leggi anche: Napoli, trasporti in tilt con “cittadini ammassati per ore. Alla faccia dell’emergenza covid”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)