Usa, rilasciato il sostenitore di Trump fotografato col leggio di Nancy Pelosi. Sospesi agenti mischiati nell’assolto

di nunzia d'aniello
2 settimane fa
12 Gennaio 2021

Usa, rilasciato il sostenitore di Trump. Si tratta di Adam Johnson, di Parrish in Florida. Rilasciato con una cauzione di 25mila dollari.

Il trentaseienne

Sostenitore di Trump è stato individuato e arrestato il giorno dopo le proteste a Washington, in Campidoglio. Grazie a una foto, circolata in rete, che lo riprendeva mentre portava via il leggio della presidente della Camera dei rappresentanti, Nancy Pelosi.

“Non ho paura di fare il giuramento all’esterno”

Parola di Joe Biden, che si è espresso così nonostante, secondo la Cnn, l’Fbi stia monitorando “varie minacce di fare del male al presidente eletto in vista della cerimonia di giuramento” del 20 gennaio. Oltre ad altre possibili proteste, anche armate, nella capitale e negli altri Stati Usa a partire dal 16.

“Altre notizie indicano minacce contro la vicepresidente eletta Kamala Harris e la speaker della Camera Nancy Pelosi”, secondo l’Fbi.

Altissima tensione dunque nei giorni in cui la Camera si prepara a discutere la rimozione del presidente uscente Donald Trump e subito dopo la richiesta di un suo impeachment. Alla luce di questi allarmi, è stato deciso che il 20 il Campidoglio sarà off-limits per il pubblico.

La notizia

E’ arrivata da Yogananda Pittman, prima donna e prima afroamericana alla guida della polizia di Capitol Hill, che ha preso il posto di Steven Sund dimessosi in seguito all‘assalto del 6 gennaio. Dopo il quale, è emerso nelle scorse ore, Trump ha per la prima volta incontrato Biden nello Studio Ovale.

Un alto funzionario dell’amministrazione ha riferito che entrambi avrebbero convenuto che “coloro che hanno infranto la legge e hanno preso d’assalto il Campidoglio la scorsa settimana non rappresentano il primo movimento americano sostenuto da 75 milioni di persone”.

Per l’assalto, nel frattempo, due agenti della polizia del Campidoglio sono stati sospesi per il ruolo avuto nell’irruzione dei manifestanti pro Trump: uno si è fatto scattare un selfie con un rivoltoso, un altro ha indossato un cappellino Maga (Make american great again) e ha aiutato i dimostranti a farsi largo nel Congresso.

Secondo la Cnn altri 10-15 agenti sono sotto indagine interna. Il New York Times scrive che il dipartimento e l’Fbi stanno perseguendo in tutto oltre 150 sospetti nelle indagini sull’assalto, dopo averne già arrestati e incriminati una quindicina. Il Bureau ha ricevuto oltre 70 mila ‘soffiate’ dopo aver chiesto l’aiuto pubblico per identificare i sospetti che appaiono in varie foto e video.(IlFattoQuotidiano)
Leggi anche: Usa, al via la procedura alla Camera per rimuovere Trump dalla Casa Bianca
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo