Boom di contagi in Campania, rischio nuove zone rosse: positivi 2 bimbi nella terra di De Luca. A breve le disposizioni

di nunzia d'aniello
1 settimana fa
13 Gennaio 2021

Boom di contagi in Campania e soprattutto nel salernitano. Indice Rt e contagi – come titola il quotidiano “Il Mattino” – ancora altalenanti. Alessandro Perrella, infettivologo del Cardarelli e componente della task force regionale per l’emergenza coronavirus, invita a non abbassare la guardia di fronte al Covid: «Prudenza, focolai in agguato».

Boom di Contagi – A Castel San Giorgio

Un nuovo positivo mentre altri 9 a Mercato San Severino di cui 2 donne e un uomo del capoluogo, un uomo e una donna di Ciorani, un altro di Priscoli, altre 2 di Torello e uno a Piazza del Galdo.

“I nostri concittadini sono in isolamento domiciliare presso la propria abitazione ad eccezione di una concittadina, residente al Capoluogo, che è attualmente ricoverata presso l’Ospedale Da Procida di Salerno. – ha detto il sindaco Antonio Somma – Giungano a loro gli auguri di tutta la comunità di una pronta guarigione. Con molto piacere abbiamo ricevuto dall’Asl la comunicazione di 7 guariti”.“

Boom di contagi – Gli altri dati

Intanto, a Fisciano altri 4 contagi: si tratta dei signori Vincenzo Ricciardi e Ivana Abramo residenti a Penta ed appartenenti allo stesso nucleo familiare e di due bambini residenti a Penta ed appartenenti allo stesso nucleo familiare. Per tutti sono stati attivati i protocolli di messa in quarantena domiciliare. A Campagna, 11 nuovi casi e 3 guariti: ammontano complessivamente a 128 i contagi, di cui 102 si sono sviluppati all’interno di 27 famiglie. Infine, un nuovo caso a Baronissi, dove ci sono anche 3 guariti, oggi.

In Costiera, il virus fa sempre più paura

A Ravello, ieri, è salito a 61 il numero dei contagiati. Tra questi anche cinque minori – come riporta il sito web ilvescovado.it – facenti parte di nuclei familiari già positivi. A scuola si sono recati soltanto 17 bambini su 81 della Scuola dell’infanzia e delle prime due classi della primaria (il 21%).

Nuova ordinanza in Campania, De Luca chiude i cancelli. L’ok dei genitori: “Abbiamo paura”

“Gli amministratori dei gruppi Facebook locali ‘Tuteliamo i nostri figli, scuole chiuse’ sono in perfetta cooperazione e perseguono un percorso comune nel tentativo di ottenere ciò che la maggior parte dei genitori pensa, ma non ha attuato con la riapertura dei cancelli”. Lo rendono noto gli admin dei gruppi in una nota congiunta.

“La paura per il Covid è tanta – sottolineano – e l’imposizione delle istituzioni a tornare fra i banchi ha costretto tante famiglie a fare delle scelte forzate. Questo per non porre i propri figli in posizione di svantaggio sociale e didattico, data la privazione della Dad”.

La situazione scuole in Campania

“La gente continua a chiamarci. A chiederci di fare qualcosa per proseguire la dad per tutti. Ma questa assurda diatriba istituzionale e questo continuo scaricabarile di responsabilità, ha messo i più nel timore di metterci la faccia. Consapevoli dei rischi a scapito della propria salute e dei propri figli”, sottolineano ancora i genitori ‘sì Dad’.

“Per questo – incalzano -, nei comuni ove i contagi hanno segnato già un sensibile numero di casi positivi in aumento le delegazioni locali dei gruppi Facebook cercheranno di aprire tavoli di discussione pacifica e sensibilizzante con i sindaci.

Fra i comuni virtuosi aderenti, Massa Lubrense, è di ieri sera la notizia della chiusura delle scuole fino al 16 da parte del sindaco Lorenzo Balduccelli”.

“Il gesto di responsabilità del nostro sindaco

dovrebbe essere di esempio a tutti i sindaci della Campania. Un atteggiamento attendista è d’obbligo in una fase di transizione post feste natalizie” dichiara Sabrina Ranucci, admin di Tuteliamo i nostri figli scuole chiuse a Massa Lubrense.

Affiliati al gruppo principale ci sono circa 40 gruppi locali, con oltre 30mila iscritti, ha spiegato poi Emiddio De Falco admin di Tuteliamo i nostri figli scuole chiuse a Ottaviano, attivo nel supporto.

Agnese Vitola

admin di Castellamare di Stabia, aggiunge: “L’intuizione di Lia Gialanella, la fondatrice del gruppo Campania, di creare osservatori locali è stata fondamentale. Per cercare non solo di capillarizzare la conoscenza degli spaccati reali dei territori, ma è un circuito in entrata ed in uscita di confronto e di arricchimento per tutti noi; conservando ognuno la propria autonomia d’azione sulle peculiarità del proprio comune.

Il massimo comune denominatore resta la mancanza di sicurezza nell’esporre i nostri figli alla presenza scolastica; la situazione ci preoccupa ancora molto, perché non ne siamo davvero fuori”.
Leggi anche:  Nuova ordinanza, De Luca chiude tutto, la Campania si ribella e riapre: “Abbiamo fame”, su le saracinesche anche la sera
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo