Dramma in Campania, operaio resta incastrato con le gambe nel trattore. Morto uomo di 55 anni

di angela capasso
1 settimana fa
13 Gennaio 2021

Dramma in Campania, l’ennesima vittima di un brutto incidente sul lavoro. E’ acaduto a Mondragone, comune del litorale nel Casertano. Un uomo è rimasto incastrato nella fresa del trattore.

E’ morto cosi’ un agricoltore di 55 anni che stava lavorando in un fondo. Gli arti inferiori dell’uomo sono rimasti bloccati nel macchinario.

Sono intervenuti sul posto i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Caserta, provenienti dal distaccamento di Mondragone, che hanno provato in tutti i modi a liberare le gambe dell’uomo dalla stretta mortale, e ci sono riusciti grazie agli arnesi da taglio, ma a quel punto il contadino era morto.

Leggi anche: “Scusate, non mi sento bene”, si accascia a terra e muore davanti agli occhi dei clienti. Papà di 46 anni lascia moglie e figlio

Tragedia in Campania, nel Casertano. A Sant’Arpino un uomo di origine pakistana è morto nel suo supermercato crollando davanti agli occhi dei clienti.

I clienti hanno avvertito i soccorsi

Un malore improvviso che non ha lasciato scampo all’uomo. Sono stati i presenti, impauriti, ad avvertire i soccorsi. Una volta giunti sul posto però non hanno potuto che constatarne il decesso.

Per l’uomo di 46 anni non c’è stato nulla da fare. La vittima aveva una moglie e un figlio. Resta un profondo sconcerto nella comunità di Sant’Arpino.

Ti potrebbe interessare anche: Uomo trovato morto in una pozza di sangue in casa sua

Si indaga a Bacoli, comune nell’area flegrea in provincia di Napoli (in Campania), sulla morte di un uomo, trovato riverso a terra, nel pomeriggio di oggi, con una profonda ferita sul petto.

L’uomo, 60 anni, era all’interno della propria abitazione dove viveva insieme alla compagna e ai due figli della donna. Luciano Caronte, questo il nome della vittima, era da solo all’interno dell’abitazione ed è deceduto durante i tentativi di rianimazione da parte del personale sanitario intervenuto su richiesta dei carabinieri.

La ferita da arma da taglio, al centro del petto, secondo gli inquirenti sarebbe stata inferta da un coltello affilato da cucina.

I carabinieri della compagnia di Pozzuoli indagano sul caso battendo tutte le piste, senza escluderne nessuna, dal suicidio all’omicidio. Tra le ipotesi c’è anche quella di una qualche coinvolgimento del figlio 30enne, affetto da problemi di natura psichiatrica.
Leggi anche Zona rossa, scatta la protesta in Campania: “Siamo stanchi, adesso basta”. Traffico in tilt sull’autostrada
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo