“De Luca adesso basta, riapri tutto”. Nuove disposizioni in Campania, scatta la protesta degli studenti in città

di Angela Capasso
1 mese fa
14 Gennaio 2021

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca con la prima ordinanza del 2021 ha concesso il rientro in presenza solo alle scuole d’infanzia e le prime e seconde elementari. La proroga della Dad per tutto il resto degli studenti non è andata giù a moltissimi di loro.

“Riprendiamoci la scuola: siamo stanchi di essere ignorati”. Con questo slogan il presidio degli studenti delle scuole superiori di Napoli ha convocato un sit-in domani alle 10 davanti alla sede dell’Ufficio scolastico regionale.

Gli studenti delle scuole superiori, in Dad dallo scorso ottobre, rivendicano “la necessita’ di tornare a scuola ma in una scuola sicura e di lottare per il nostro diritto all’istruzione”.

La manifestazione e’ promossa da Studenti Autonomi Napoletani, Kaos, Unione degli Studenti Napoli, Coordinamento Studenti Flegrei e da Studenti Autorganizzati Campani.

De Luca apre in Campania ma scattano i primi contagi. Bimbo dell’asilo positivo, compagni di classe e docenti costretti alla quarantena

Nemmeno il tempo di riaprire le scuole che in Campania ci sono già i primi effetti negativi. Un bimbo della scuola primaria del presso Villaggio 1, ex scuola Settembrini, nel Casertano, è risultato positivo al Covid.

I compagni di classe saranno sottoposti alla quarantena insieme a 5 docenti. Il piccolo era tra i pochi della classe tornati a scuola nei giorni scorsi, con la ripresa delle attività in presenza dopo la pausa imposta dalle restrizioni anti Covid.

La dirigente scolastica ha immediatamente disposto la sanificazione dei locali interessati. La scuola, contattata dai genitori del piccolo, ha avvisato le famiglie degli altri piccoli alunni. A questo punto dovranno sottoporsi ai test per verificare l’eventuale contagio.

Questa mattina un caso anologo a Eboli

Allarme Covid in un a scuola dell’infanzia in Campania. La positività di un bimbo di tre anni ha determinato che l’intera classe, frequentata dal piccolo – come riporta il sito web sudtv.net – venisse messa in quarantena.

Immediatamente è scattato il protocollo di sicurezza

Siamo ad Eboli. Le famiglie dei bimbi sono stati avvisati e programmati i tamponi. La speranza è che il tempo trascorso insieme non sia stato sufficiente al contagio ma la certezza si potrà avere solo dopo che i risultati saranno ufficializzati. Al momento tutti a casa, maestre comprese, col fiato sospeso.
Leggi anche Nuovi contagi, scatta l’ordinanza in Campania: tutto chiuso per due giorni. La decisione del sindaco
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo