De Luca sempre un passo avanti: riapre un altro ospedale “Il tempo è prezioso. Penso io a voi”

di Carolina Sorrentino
2 mesi fa
16 Gennaio 2021

De Luca sempre un passo avanti: riapre un altro ospedale in Campania, non lo ferma nessuno. E’, infatti, ripartito ufficialmente questa mattina il cantiere del Policlinico di Caserta.

All’appuntamento non ha fatto mancare la sua presenza il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha affermato: “E’ una giornata simbolica per tutta la Campania, questa è la prima grande opera che riparte nel 2021. La ripartenza del cantiere del Policlinico è per noi un simbolo di rinascita, ripresa di investimenti, sviluppo e creazione di lavoro. Un’opera dal valore straordinario per la provincia di Caserta, ma anche per tutta la regione”.

Un progetto finalmente terminato

Il progetto del Policlinico è partito ben 22 anni fa. A causa di crisi aziendali e rescissioni contrattuali, l’opera ha subito una serie di stop, diventando difatti una sorta di ‘cantiere fantasma’. La riapertura di questa mattina arriva dopo la firma dell’atto di transazione tra l’Università Vanvitelli, la società condotte ed il Mise che ha permesso di far ripartire i lavori dell’opera che, secondo le stime, dovrebbe essere conclusa entro 32 mesi; entro poco meno di due anni, invece, è prevista la consegna del blocco dedicato alla didattica.

“C’è stato un impegno del Comune di Caserta, del rettore dell’Università Vanvitelli, e ci sarà un impegno finanziario della Regione per un importo di 50 milioni di euro – ha sottolineato De Luca – Dobbiamo fare in modo che il tempo perduto diventi un’opportunità. Potremo dotare il Policlinico delle tecnologie più avanzate esistenti nel mondo.

La struttura è finanziata, ma non sono finanziate le dotazioni tecnologiche e gli arredi interni che garantiremo noi. Poi abbiamo un accordo col Comune per realizzare le infrastrutture della mobilità sia su strada che su ferro. E’ fondamentale evitare che sia un grande complesso in un deserto e quindi dobbiamo garantire collegamenti effettivi”.

Scoppia un nuovo pericoloso focolaio in Campania, scatta l’allarme in una casa di riposo. E’ allerta massima

Sono ore di grande apprensione a Novi Velia, nel Salernitano, in Campania. Nella cittadina infatti è scoppiato un focolaio all’interno di una casa di riposo per anziani.

La situazione sta allarmando tutti i cittadini. Uno degli ospiti è stato ricoverato presso il reparto Covid del San Luca di Vallo della Lucania. Si attendono aggiornamenti.

De Luca apre in Campania ma scattano i primi contagi. Bimbo dell’asilo positivo, compagni di classe e docenti costretti alla quarantena

Nemmeno il tempo di riaprire le scuole che in Campania ci sono già i primi effetti negativi. Un bimbo della scuola primaria del presso Villaggio 1, ex scuola Settembrini, nel Casertano, è risultato positivo al Covid.

I compagni di classe saranno sottoposti alla quarantena insieme a 5 docenti. Il piccolo era tra i pochi della classe tornati a scuola nei giorni scorsi, con la ripresa delle attività in presenza dopo la pausa imposta dalle restrizioni anti Covid.

La dirigente scolastica ha immediatamente disposto la sanificazione dei locali interessati. La scuola, contattata dai genitori del piccolo, ha avvisato le famiglie degli altri piccoli alunni. A questo punto dovranno sottoporsi ai test per verificare l’eventuale contagio.

Questa mattina un caso analogo a Eboli

Allarme Covid in un a scuola dell’infanzia in Campania. La positività di un bimbo di tre anni ha determinato che l’intera classe, frequentata dal piccolo – come riporta il sito web sudtv.net – venisse messa in quarantena.

Immediatamente è scattato il protocollo di sicurezza

Siamo ad Eboli. Le famiglie dei bimbi sono stati avvisati e programmati i tamponi. La speranza è che il tempo trascorso insieme non sia stato sufficiente al contagio ma la certezza si potrà avere solo dopo che i risultati saranno ufficializzati.

Al momento tutti a casa, maestre comprese, col fiato sospeso.
Leggi anche: De Luca sfida il governo e rilancia: La Campania prima in tutto. Le nuove disposizioni
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo

Temi di questo post