Usa, oggi è il giorno di Biden: “E’ ora di riunire l’America”. Tutto pronto per la celebrazione: in Italia alle 18

di Nunzia D'Aniello
1 mese fa
20 Gennaio 2021

Usa, oggi è il girono di biden, tutto pronto per la celebrazione.

“Sarò il presidente di tutti, è ora di voltare pagina, di riconciliarsi e unire l’America per affrontare le crisi e rilanciare l’alleanza con i nostri partner”.

E’ il messaggio che Joe Biden vuole lanciare nel suo discorso dopo aver giurato a mezzogiorno sulla vecchia bibbia di famiglia come 46/mo presidente degli Stati Uniti – il più anziano di sempre con i suoi 78 anni – nell’Inauguration day più blindato della storia per il timore di proteste armate.

Accanto a lui, sotto lo sguardo di soli mille ospiti contro i circa 200 mila invitati tradizionalmente dai parlamentari, ci sarà Kamala Harris, che farà la storia come prima vicepresidente donna e afroamericana.

Entrambi hanno voluto preparare il momento solenne con un “momento nazionale di unità” alla vigilia, rendendo omaggio alle 400 mila vittime americane della pandemia in una fiaccolata davanti al Lincoln Memorial, mentre in altre città si illuminavano edifici iconici, dall’Empire State building a New York allo Space Needle di Seattle.

Non a caso il tema della cerimonia inaugurale è ‘America United’

La principale sfida che Biden dovrà affrontare per sanare le ferite e le divisioni lasciate da quattro anni di presidenza Trump.

Il presidente eletto

E’ sbarcato in una capitale protetta da 25 mila uomini della Guardia nazionale dopo aver lasciato in lacrime il suo Delaware.

Sarà il capo maggiordomo Timothy Harleth

Ad accogliere alla Casa Bianca il nuovo presidente americano e la first lady Jill. E’ questo, riferisce la Cnn, uno dei tanti sgarbi di Trump, che ha deciso di ignorare tutti i rituali del passaggio delle consegne. Una tradizione americana finora servita a sottolineare il fairplay fra la presidenza uscente e quella entrante.

Il presidente uscente volerà di primo mattino con Melania a Mar-a-Lago con l’Air Force One, senza prima aver accolto il successore alla Casa Bianca e senza partecipare alla cerimonia di giuramento.

Joe Biden

Ha scelto come ‘Assistente segretario alla Sanità’ Rachel Levine, che potrebbe così diventare il primo dirigente governativo federale apertamente transgender ad essere confermato dal Senato. Lo rende noto lo staff del presidente eletto.

Pediatra ed ex medico di base, Levine è la segretaria alla Sanita’ della Pennsylvania, nominata dal governatore democratico Tom Wolf nel 2017 e confermata dal Senato statale, controllato dai repubblicani.
Leggi anche: Usa, ci siamo: Washington blindata, tutto pronto per la cerimonia di insediamento di Biden
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo