Campania in ginocchio per colpa del virus killer: contagi in aumento con casi di ripositivi

di Carolina Sorrentino
1 mese fa
23 Gennaio 2021

Campania in ginocchio per colpa del virus killer: un nuovo incremento di casi di positivi si è rilevato nell’area vesuviana, precisamente a Torre Annunziata, Napoli.

E’ quanto comunica il sindaco della citta’ vesuviana, Vincenzo Ascione, annunciando come nelle ultime 24 ore sono stati registrati 23 nuovi positivi al tampone a fronte delle cinque guarigioni accertate.

Campania in ginocchio per colpa del virus killer: i dati

Dati che portano il numero complessivo dei contagiati a quota 383, con dodici persone che risultano ricoverate.

Campania in ginocchio: a Torre del Greco casi di ripositivi

Vi è stato un incremento, ma decisamente meno marcato anche nella vicina Torre del Greco, dove il sindaco Giovanni Palomba, al termine del consueto aggiornamento al Centro operativo comunale, ha fatto sapere come nell’ultima giornata siano stati segnalati da Asl Napoli 3 Sud e unita’ di crisi regionale sei casi di positivita’ (tra i quali un ripositivizzato) e cinque guarigioni.

Attualmente a Torre del Greco risultano dunque contagiati al Covid 313 cittadini, 27 dei quali costretti al regime ospedaliero.

Napoli nella morsa del virus, medici positivi dopo il vaccino: scoppia il panico in città

Intanto a Napoli, ci sono dei medici risultati positivi dopo il vaccino. Si tratta di due medici, quattro infermieri e un operatore socio-sanitario.

Il vaccino

I sanitari si sono ammalati lo stesso, nonostante le fiale di vaccino, come è già accaduto ad altri loro colleghi nel resto d’Italia, anche perché una sola iniezione garantisce solo una copertura parziale e non immediata.

Così un altro medico e un’infermiera in servizio Cardarelli, vaccinati rispettivamente il 27 e il 31 dicembre e risultati poi assenti.

E poi, tre infermieri e un operatore socio-sanitario del Cotugno, anche loro colpiti dal Covid, avrebbero dovuto rifare la puntura nei prossimi giorni.

Difficile stabilire con esattezza il momento del contagio. Stando a quanto accertato, il professionista dell’Asl probabilmente aveva contratto l’infezione prima della puntura, visto che ha manifestato i sintomi subito dopo.

Ed è stato, per ora, l’unico caso tra i 224 dipendenti inseriti nel database dell’azienda sanitaria locale.
Leggi anche: GF Vip, concorrenti al limite: i zorzando vogliono abbandonare la casa, fan in crisi
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo