Nuova ordinanza De Luca, la Campania dice “No e chiede più sicurezza”. Tutte le disposizioni da lunedì

di Nunzia D'Aniello
1 mese fa
23 Gennaio 2021

Nuova ordinanza De Luca, la Campania dice “No e chiede più sicurezza”. Gli studenti salernitani degli istituti secondari di secondo grado hanno espresso – come titola il quotidiano “Le Cronache” – la loro posizione nel corso della manifestazione, che si è tenuta ieri mattina di fronte alla sede della Provincia: “Vogliamo tornare a scuola ma non con orari scaglionati.

Hanno chiesto l’aumento delle corse dei pullman. Una delegazione di sette rappresentanti è stata ricevuta prima a Palazzo Sant’Agostino e poi n Prefettura.

Cosa prevede la Nuova ordinanza

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha appena firmato l’ordinanza numero 3 del 2021 con la quale dispone la totale ripresa delle lezioni in presenza in Campania.

Ricordiamo che, nello specifico, si tratterà della ripresa delle scuole medie a partire dal 25 gennaio 2021; e delle scuole superiori (licei, istituti tecnici ecc,) a partire da lunedì 1 febbraio.Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha appena firmato l’ordinanza numero 3 del 2021 con la quale dispone la totale ripresa delle lezioni in presenza in Campania.

Ecco il testo dell’ordinanza:
COVID-19, DISPOSIZIONI SU RIPRESA ATTIVITÀ IN PRESENZA NELLE SCUOLE

Con Ordinanza n.3/2021, in corso di pubblicazione, si dispone quanto segue in ordine alla ripresa delle attività in presenza nelle scuole secondarie.

1. Le scuole secondarie di primo grado (medie) riapriranno in presenza lunedì 25 gennaio 2021, salve diverse valutazioni di competenza dei Sindaci o dei Dirigenti scolastici. I Dirigenti scolastici dovranno comunque certificare la sussistenza delle condizioni e requisiti di sicurezza sanitaria prescritti dal vigente Piano di sicurezza per la ripresa delle attività della scuola, oltre ai requisiti di sicurezza generale.

Si dispone inoltre lo svolgimento di attività di monitoraggio e di screening sul personale della scuola e sugli alunni delle classi o plessi interessati da casi di contagio, a cura delle ASL e dei medici di medicina generale. Rimane a cura delle Asl anche il controllo del rispetto dei protocolli di sicurezza nelle scuole.

In presenza dal 1 febbraio anche le superiori

2. Con riferimento alle scuole secondarie di secondo grado (superiori), si dispone la ripresa in presenza a partire da lunedì 1 febbraio 2021, salve diverse valutazioni di competenza dei Sindaci o dei Dirigenti scolastici.

L’ordinanza demanda ai singoli dirigenti scolastici la individuazione della percentuale di studenti in presenza (tra il 50 e il 75%), con espressa raccomandazione ad adottare un criterio prudenziale, al fine di minimizzare i contagi.

Si dettano inoltre disposizioni per l’attivazione di servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale (per consentire un maggiore distanziamento a bordo dei mezzi); e per il coinvolgimento della protezione civile presso i plessi e le stazioni a maggiore rischio di assembramento. Questo per scongiurare condotte contrarie alle misure di sicurezza sanitaria vigenti.

L’ordinanza infine fa espressa raccomandazione ai Rettori delle Università di privilegiare piani di didattica a distanza. Questo al fine di contenere il più possibile i rischi di contagio.
Leggi anche: Nuovo Dpcm, cambia tutto un’altra volta: dagli spostamenti ai congiunti. Chi come e quando: le novità
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo