Connect with us

politica

Governo Draghi, resta l’Italia a colori e intanto accelerata sui vaccini

Pubblicato

il

Draghi punta i piedi e blocca i vaccini: “Devono rimanere in Europa”

Governo Draghi, c’è paura per la circolazione delle nuove varianti del Covid-19, si dovrà dunque accelerare la campagna di vaccinazioni.

Tra le ipotesi del nuovo governo c’è quella di coinvolgere la Protezione Civile.

Ad Arcuri resta il compito sull’approvvigionamento delle dosi.

Intanto dopo l’allarme dell’Istituto superiore di Sanità sulla diffusione del virus, il governo studia nuove misure per cercare di tenere sotto controllo la curva epidemiologica.

Al momento sembra allontanarsi l’ipotesi lockdown. Si punterà invece su interventi mirati a livello locale, ma sempre d’intesa con il governo.

Appare difficile anche un allentamento dei divieti, pure se nei prossimi giorni sarà effettuata una ricognizione dei dati.

Questo per valutare se e come poter soddisfare almeno in parte le richieste dei vari lavoratori.

La priorità assoluta resta quella di vaccinare tutti nel più breve tempo possibile.

Per questo si pensa a coinvolgere militari e volontari della Protezione civile in hangar o anche nelle caserme, con lo scopo di accelerare.

Governo Draghi: nuove disposizioni. Intanto il 5 marzo scade l’ultimo Dpcm

Parte bene l’asse tra Roberto Speranza e Mariastella Gelmini, neoministro per gli Affari regionali, ma soltanto nei prossimi giorni partirà la strategia di contenimento del Covid-19.

Anche perché in vista della scadenza del Dpcm in vigore, prevista per il 5 marzo, dovrà essere il presidente del Consiglio Mario Draghi a decidere se utilizzare lo stesso metodo, oppure se cambiare totalmente rotta.

Si alle zone rosse. Anche per il Governo Draghi resta l’Italia a colori

La strada per evitare il lockdown nazionale passa dalla chiusura di paesi, città e intere province dove circolano la variante inglese, ma anche quella brasiliana e sudafricana che finora sembrano resistere ai vaccini.

Si pensa dunque alle zone rosse: aree dalle quali non si può uscire e dove non si può entrare, dove gli spostamenti sono vietati e dove le attività restano chiuse.

Per questo è stata ribadita a sindaci e governatori la necessità di intervenire d’urgenza chiudendo anche le scuole.

Il sistema dei colori dovrebbe rimanere con la divisione in fasce rosse, arancione, gialla e bianca.

Cambieranno però alcuni parametri. Attualmente con l’Rt a 1 si entra in fascia arancione e con 1,25 si va in fascia rossa, ma non è escluso che le soglie si abbasseranno ancora.

Sarà poi il governo a dover stabilire quali attività tenere aperte e quali invece vietare nelle varie aree.

Bar e ristoranti

Il consiglio dei ministri stabilirà se e come dare seguito alle richieste dei gestori dei locali pubblici di poter aprire bar e ristoranti la sera in fascia gialla e a pranzo in fascia arancione.

Palestre e piscine

L’altro settore che si sta valutando è quello dello sport. Le nuove linee guida prevedono infatti aperture scaglionate e comunque lezioni individuali almeno nella prima fase della ripresa. Oltre a un distanziamento rimodulato ossia: 2 metri in palestra, 10 metri quadri in piscina.

Cinema e teatri

La ripresa del settore dello spettacolo è una delle richieste che ormai da mesi pressa i ministri. Anche su questo dovrà essere fatta una valutazione dal nuovo governo tenendo conto che molte attività sono in grande affanno e molte di essi rischiano di non poter più riaprire.
Leggi anche: Scuole nel caos in Campania, tutti contro De Luca. I presidi: “Ora basta”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo

 

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)