De Magistris: “Dalla parte dei ristoratori, il governo non mantiene gli impegni”

di Francesco Li Volti
2 mesi fa
26 Febbraio 2021

Napoli, Campania. Il sindaco della città partenopea, Luigi De Magistris si schiera dalla parte dei ristoratori in protesta.

Le parole di De Magistris

Queste le parole pronunciate a radio Kiss Kiss del sindaco uscente: “Protesta ristoratori? Hanno ragione, ristori in ritardo!

Ristori in ritardo

Commenta così la manifestazione di questa mattina dei ristoratori napoletani, che hanno bloccato per ore il traffico in via Partenope.

I ristoratori hanno ragione

E continua: “I ristoratori di Napoli hanno ragione, perché i ristori arrivano male e in ritardo“.

L’ex pm conclude così il suo discorso in radio: “anche gli impegni del governo sui ristori ai Comune, affinché potessero essere più generosi nei confronti degli operatori economici, non sono arrivati“.

Potrebbe interessarti: Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, interrogato sulla questione Murales di Ugo Russo è molto chiaro: non accetta lezioni di legalità da nessuno.

Tiene ancora banco in città la vicenda legata al murales dedicato a Ugo Russo, il giovane morto durante un tentativo di rapina ad un carabiniere fuori servizio. In molti ne chiedono la rimozione, mentre c’è una parte di città ancora divisa, quella vicina ai comitati di quartiere e non solo.

Sulla vicenda è tornato questa mattina il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenuto a Radio Crc. “Come comune stiamo facendo un lavoro molto utile, che forse non tutti anche in buona fede o in maniera frettolosa hanno compreso fino in fondo.

Cioè quello di intraprendere un percorso di giustizia, verità, legalità e partecipazione del territorio.

Su questa vicenda c’è stata una grande sensibilità territoriale, devo dire corretta, né sguaiata né offensiva nei confronti dei rappresentanti delle istituzioni”. 

De Magistris non accetta lezioni da nessuno

“Quando commentai alcune uscite sui giornali un po’ infelici nei confronti del Comune, dissi che il Comune di Napoli, sindaco e assessori andrebbero apprezzati perché non siamo giudici, siamo persone umane che cercano di coniugare la legalità che vale per tutti, ma anche percorsi che possono coniugare giustizia e verità ed evitare quel conflitto che non va bene a nessuno”.

“Questo dovrebbe comprenderlo anche chi ricopre dei ruoli istituzionali importanti e deve capire che il Comune è il luogo e la casa di tutti, dove bisogna dialogare, discutere e capire senza mai perdere il faro della legalità e della giustizia, e su questo non prendiamo lezioni da nessuno“.

Murales Ugo Russo ai Quartieri Spagnoli, le parole di Borrelli

Sul caso, si è espresso il consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli, in questo modo:

Non bisogna fare alcun passo indietro ma anzi occorre essere ancora più decisi e determinati.”

“Se la situazione è degenerata è anche a causa del tentennamento dell’amministrazione cittadina che ha impiegato troppo tempo a prendere una decisione che doveva essere scontata ed ovvia.”

“Facendo passare tutto questo tempo ha fornito degli alibi ai sostenitori della criminalità e fatto accumulare troppe tensioni. Ora non c’è più tempo da perdere, bisogna mandare chiari e forti messaggi di legalità rimuovendo tutte le opere che celebrano delinquenti e camorristi a Napoli sostituendole con omaggi ai veri eroi e alle vittime della camorra”.– ha così dichiarato Borrelli.
Leggi anche: Walter De Benedetto, ordinaria follia: Rischio 20 anni per la cannabis
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo