Zinzi, Lega: attacco a De Luca: “Soluzioni, non chiusure!”

di Francesco Li Volti
2 mesi fa
26 Febbraio 2021

Campania: Gianpiero Zinzi, capogruppo regionale per la Lega, ha attaccato direttamente il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca sulla gestione della pandemia e degli aiuti alle categorie compromesse.

Queste le parole di  Zinzi, esponente della Lega  “Da De Luca ci saremmo aspettati soluzioni e non chiusure

E continua: “Dal presidente De Luca ci saremmo aspettati soluzioni e non solo chiusure. Al governo regionale il compito di proporre strategie a tutela delle nostre imprese e delle nostre famiglie.”

Questione scuola – Le idee della Lega

Sulle scuole era evidente che le risposte non potevano essere solo i banchi a rotelle e la DAD: avevamo proposto e chiesto al governo precedente misure adeguate come la vaccinazione di tutto il personale scolastico, i termo-scanner, gli impianti per l’areazione, lo sblocco delle graduatorie per potenziare il corpo docente.”

Nulla è stato fatto

Ma nulla è stato fatto, così come inerte è stata la Regione. Oggi De Luca chiude le scuole, ma nulla dice ad esempio sulla vaccinazione degli insegnanti fuori sede, per i quali pure abbiamo proposto una soluzione”.

Zinzi della Lega – De Luca non si assume responsabilità

E conclude: “E’ lontano lo sceriffo che si assumeva le responsabilità. Finita la campagna elettorale si torna al rimpiattino con il governo“.

Queste le dichiarazioni del capogruppo della Lega in Regione Campania, Gianpiero Zinzi.

Potrebbe interessarti: Napoli: Nappi (Lega), ‘bene controlli ma servono misure concrete, smantellare campi rom’ “Bene l’operazione condotta dal gruppo interforze a Scampia contro lo smaltimento illecito e i roghi di rifiuti industriali e commerciali. Ma la questione va affrontata con misure di sistema e radicali, non affidandosi al generoso sforzo delle Forze dell’Ordine”.

Il problema dei campi rom

Così il consigliere regionale della Lega e coordinatore della città di Napoli, Severino Nappi, ha parlato anche della questione dei campi rom. Nappi ha inoltre dichiarato: “Bisogna smantellare i campi rom. È necessario garantire la sicurezza dei cittadini. Occorre investire sulla bonifica dei suoli.”

Le misure di contenimento

Continuando con la questione dei campi nomadi il Consigliere ha posto la questione della prevenzione. “Servono screening e interventi per la tutela della salute delle persone”.

Le accuse all’amministrazione

Il consigliere leghista ha inoltre proseguito Da troppi anni assistiamo invece all’immobilismo del governo regionale e dell’amministrazione comunale che le rende complici del degrado. La nuova guida della città costruirà un asse col governo nazionale e con tutti quelli che hanno a cuore il nostro territorio per voltare pagina e restituire dignità ai napoletani e ai campani ”, conclude.

Alcuni giorni fa, lo stesso Nappi aveva dichiarato “Aiuti necessari o sarà la fine”.

“Mentre qualche sapientone minacciava di chiudere nuovamente l’Italia, comprese le aree che oggi risultano meno colpite dal virus, Confcommercio conferma il disastro che chi vive a contatto con le persone conosce già: dal 2012 in poi è avanzata la desertificazione commerciale e conoscerà un nuovo picco quest’anno: una impresa su 4 in ristorazione e alloggio è sul punto di chiudere”. Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere regionale della Lega in Campania.
Leggi anche: Walter De Benedetto, ordinaria follia: Rischio 20 anni per la cannabis
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo