Connect with us

cronaca

Paura per il Principe Filippo, trasferito in ospedale per controlli al cuore

Published

on

Paura per il Principe Filippo, trasferito in ospedale per controlli al cuore

Cresce la preoccupazione per le condizioni del principe Filippo.

Il 99enne consorte della regina Elisabetta II, il duca di Edimburgo, è trasferito nelle ultime ore dalla clinica in cui era ricoverato da quasi due settimane in un altro ospedale per una non meglio precisata infezione.

Il ricovero in ospedale

Il principe è al St Barthoplomew’s Hospital, dove riceve esami cardiaci per una “condizione pre esistente”, fa sapere Buckingham Palace.

Il bollettino aggiornato sulle condizioni di salute del Duca di Edimburgo (cent’anni il 10 giugno) ha toni rassicuranti, ma conferma il trasferimento in una struttura più attrezzata per far fronte ai suoi problemi di salute.

“I medici continuano a trattarlo per un’infezione – si legge – oltre che a esaminarlo e a tenerlo sotto osservazione per una pre esistenza condizione cardiaca. Le sue condizioni restano confortevoli e il Duca risponde alla terapia, ma si prevede che rimarrà in ospedale almeno sino a fine settimana”. (L’UnioneSarda.it)

Intanto in Francia brutte notizie per Nicolas Sarkozy

Brutte notizie per l’ex Presidente della Repubblica francese. Nicolas Sarkozy è riconosciuto colpevole della corruzione di un magistrato. Potrà scontare la pena ai domiciliari e con un braccialetto elettronico.

La condanna

L’ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, è condannato oggi a 3 anni – 2 con la condizionale – per lo scandalo delle intercettazioni.

Fra le accuse, la corruzione di un magistrato. L’ex capo dello Stato è finito alla sbarra perché sospettato di aver avuto da un magistrato della Corte di Cassazione, Gilbert Azibert, delle informazioni in cambio di un posto alla Corte di revisione a Monaco.

L’accusa aveva chiesto una condanna a 4 anni.

Le informazioni sollecitate dall’ex capo dell’Eliseo riguardavano un possibile finanziamento alla sua campagna elettorale del 2007 – proprio quella che l’avrebbe portato ai vertici dello Stato fino al 2012 – proveniente dalla Libia.

Domiciliari e braccialetto elettronico

Per quei fatti c’è stato anche un stato di fermo per alcune ore da parte della polizia giudiziaria.

Sarkozy ha sempre respinto tutte le accuse che gli sono state mosse: ora avrà diritto di scontare l’anno di pena residua ai domiciliari e con un braccialetto elettronico in alternativa al carcere.

Oppure di svolgere lavori socialmente utili.

Nicolas Sarkozy, 66 anni, è il secondo presidente francese ad aver avuto una condanna penale: nel 2011 è toccato al suo predecessore Jacques Chirac, a cui furono dati due anni per alcune assunzioni di favore al comune di Parigi.

Chirac non aveva tuttavia dovuto scontare la pena.
Leggi anche: Sicurezza stradale: arriva la tecnologia che ti salva la vita
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
“Metti like” anche —> “Seguici sul nostro canale Youtube 41esimo Parallelo

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)