Connect with us

campania

Mara Carfagna fa felice De Luca, pensa al Sud e promette: “Più aiuti al Mezzogiorno”

Pubblicato

il

Carfagna incontra il Sud: al lavoro per sfruttare i fondi europei

Sono 150 i miliardi che saranno destinati al Mezzogiorno per le infrastrutture. La digitalizzazione, la sanità e le transizione ecologica, ha dichiarato la ministra Mara Carfagna, che intervistata dal Corriere della Sera ha dichiarato l’imminente necessità di “individuare i giusti progetti su cui investire”.

209 I miliardi destinati all’Italia

“Nei 209 miliardi destinati all’Italia, una parte considerevole andranno al Mezzogiorno”. E aggiunge: “In più avremo i fondi europei per il settennato che va dal 2021 al 2027 e il fondo nazionale di sviluppo e coesione”

I progetti per il Mezzogiorno

“Da almeno vent’anni, la mancata individuazione dei livelli essenziali di prestazione – sanitaria, scolastica, assistenziale, traporto – ha creato una discriminazione di residenza nel nostro paese”. “Mi rendo conto che abbiamo poco tempo a disposizione. Ma abbiamo il dovere di impostare il lavoro”.  

Il Reddito Universale

Per quanto riguarda il Reddito di cittadinanza – tema caro a molti – ha dichiarato l’essenzialità di uno strumento di sostegno universale “com’è previsto in tutti i Paesi, tanto più in tempi di crisi pandemica.”

La ministra ha poi ammesso i limiti del reddito di cittadinanza: “come ha ammesso lo stesso Di Maio, mette assieme sostegno alla povertà e sostegno alle politiche del lavoro, che sono cose diverse”. Diviene essenziale, secondo la Carfagna, una correzione obbligata. 

Le dichiarazioni sulla parità di genere

Dalle sue parole emerge anche la necessità di una parità di genere sul piano lavorativo, uno degli obbiettivi che lo stesso governo si era prefissato al suo insediamento.

I fondi europei saranno un’occasione anche per il lavoro al femminile. Le donne che ad oggi lavorano in Italia, sono molto poche rispetto alla percentuale di lavoratori maschi.

Altro dato allarmante è la percentuale di donne occupate in Italia, rispetto al resto d’Europa: “Le donne che lavorano nel nostro Paese sono troppo poche” – ribadisce Mara Carfagna – “il 48% contro il 64% della media europea.

La situazione

“Al Sud, in particolare, è una vera catastrofe” sostiene la ministra, qui infatti l’occupazione femminile è ferma al 32%, “le infrastrutture sociali sono la chiave per risolvere il problema e dovranno essere al centro del Recovery Plan.
Leggi anche: Nuova ordinanza in arrivo, De Luca anticipa Draghi: si chiude tutto
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube  41esimoparallelo

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)