Campania chiusa, da lunedì cambia tutto, torna pure l’autocertificazione: quando usarla

di Irene Viturri
1 mese fa
6 Marzo 2021

Campania rossa, da lunedì cambia tutto, torna pure l‘autocertificazione. Ultimi giorni di semi libertà in Campania, se così li si può definire.

L’autocertificazione

Da lunedì torna in Campania l’obbligo di autocertificazione per giustificare gli spostamenti anche all’interno dello stesso comune.

Secondo l’ultimo Dpcm

Infatti, è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Il transito sui territori in zona rossa è consentito per raggiungere aree non soggette a restrizioni negli spostamenti o nei casi consentiti da necessità. Non è consentito fare visita ad amici e parenti.

È necessario dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione (per il modulo scarica qui) che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e alle polizie locali.

Le autodichiarazioni

La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi. La giustificazione del motivo di lavoro può essere comprovata anche esibendo, per esempio, adeguata documentazione fornita dal datore di lavoro (tesserini o simili) idonea a dimostrare la condizione dichiarata.

De Luca quindi conferma e chiude tutto

Nuova ordinanza per la Campania, Vincenzo De Luca conferma e chiude tutto. E’ quanto disposto poi fa attraverso una nota dell’Unità di Crisi della Regione.

“In relazione a richieste di chiarimento sulle ragioni di estensione della zona rossa all’intera regione, comprese aree interne con indice epidemico piu’ contenuto, si precisa che la classificazione dell’intera regione in zona rossa e’ stata disposta con ordinanza del ministro della Salute in ragione di parametri adottati a livello nazionale ed applicati per le singole regioni, senza differenziazioni sub regionali”.

E’ quanto precisa in una nota Italo Giulivo, responsabile dell’Unita’ di crisi della Campania.

“Peraltro, come da noi sostenuto piu’ volte , l’applicazione di misure rigorose anche in zone che presentano indici di contagio inferiori ad altre, risponde ad un’azione di utile prevenzione perche’ la diffusione sia contrastata prima d’interventi che risultino adottati in modo tardivo, anche in considerazione della maggiore trasmissibilita’ delle varianti”, sottolinea.

Campania: Il sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino, si è “inventato” la zona rossa rafforzata. Il primo cittadino del comune campano ha deciso di istituire questa nuova variante di colore “per fronteggiare l’emergenza Covid”.

Nuova ordinanza – La zona rossa “rafforzata”

Tra i provvedimenti presi c’è anche il divieto di uscita per i giovani dai 14 ai 24 anni tra le 18 e le 20. Con un comunicato pubblicato su Facebook, il sindaco ha spiegato ai cittadini le nuove regole per il comune di Castellammare.

Tra i principali provvedimenti il divieto di circolare sul territorio comunale per i giovani dai 14 ai 24 anni”, si legge sulla pagina di Cimmino.

“Ho appena firmato una nuova ordinanza, a seguito di un approfondito confronto con i sindaci dei Comuni limitrofi, valida da sabato 6 marzo e fino a domenica 14 marzo 2021″.

I divieti non sono solo per i giovani- Campania

Ma i divieti non coinvolgono solo i giovani. Cimmino ha infatti annunciato il divieto di spostamento, salvo necessità, per tutti i cittadini a partire dalle 20, spostando di due ore il coprifuoco.

I provvedimenti riguardano anche le attività commerciali, che a Castellammare dovranno abbassare le saracinesche alle 18.

Dalle ore 18 alle ore 20 di ogni giorno è fatto divieto ai giovani tra i 14 ed i 24 anni di circolare sul territorio.

Per i minorenni che dovessero spostarsi per motivi di necessità o salute sarà obbligatorio avere con sé l’autocertificazione firmata dai genitori o dai tutori.

Dalle ore 20 alle 5 del giorno successivo, per la totalità della popolazione, sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da lavoro, necessità e salute. L’attività degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio è consentita fino alle ore 18″, conclude il sindaco.

Nuova ordinanza – Le proteste dei cittadini in Campania

Le reazioni dei cittadini di Castellammare di Stabia non si sono fatte attendere. Sotto il post del sindaco in molti chiedono il perché di tali misure contenitive, definite inutili.

Che senso ha vietare lo spostamento soltanto a noi ragazzi di questa fascia d’età”, ha commentato un ragazzo.

E ancora: “Con quest’ordinanza, ha fatto tutto di un’erba un fascio,ragazzi come me che stanno per la maggior parte del tempo a casa, per non arrecare ulteriori danni, per via di altri irresponsabili, dovrà continuare a restare a casa.

La politica stabiese sapevo fosse ridicola, ma arrivare fino a questo punto, significa veramente che non sappiate gestire le situazioni. Se si fosse fatto sentire ed avrebbe agito quando ancora non si era a questo punto, forse tutte ste cose le avremo potute evitare”.

Contro i provvedimenti del sindaco

Contro i provvedimenti presi dal sindaco sono scesi in campo tutti, adulti e ragazzi, che ora chiedono di smetterla di demonizzare i più giovani e si domandano come potrà fare compere chi finisce di lavorare dopo le 18.

Il divieto dovrebbe essere esteso anche alle persone anziane. Fanno assembramento ovunque e rigorosamente con mascherina abbassata.

Non serve mettere alla gogna solo i giovani”. Dalla parte del sindaco, qualcuno fa notare che essendoci una pandemia, le misure pensate da Cimmino, sono giustificate:

Purtroppo c’è una pandemia e Castellammare questo si merita”. E ancora: “perchè prendersela col sindaco se siamo un popolo di strafottenti incivili, gente positiva per strada, per non parlare di gente senza mascherina…”

Oltre alla Campania, anche la Romagna è finita in zona rossa, mentre la Lombardia l’ha scampata per un soffio, sconfinando in arancione scuro.

“Zona Rossa rafforzata” a Castellammare di Stabia, Gragnano e Santa Maria la Carità per fronteggiare l’emergenza covid.(ilgiornale.it)
Leggi anche: Nuovo dpcm, al via da oggi: tutte le regole da seguire
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo