Campania, da giallo a lockdown duro: cosa è andato storto

di Carolina Sorrentino
1 mese fa
6 Marzo 2021

Campania, da regione virtuosa a lockdown duro: cosa è andato storto. Secondo gli esperti un peso rilevante lo avrebbe avuto la movida fuori controllo e la temibile “variante inglese”.

Contagi in Campania fuori controllo

La regione Campania è passata dalla zona gialla, dove i contagi erano sotto controllo, al lockdown duro. Nel giro di poche settimane c’è stato un boom di positivi. La situazione oggi è fuori controllo.

Campania, cosa è andato storto

Sarebbero tre i fattori che hanno inciso in maniera consistente sullo scivolamento della Campania addirittura in zona rossa, dopo essere stata una delle regioni più virtuose d’Italia sul fronte dei contagi dovuti al Covid.

Sicuramente a far salire i casi di positività ha contribuito soprattutto la riapertura delle scuole. Ma ad aver avuto un ruolo significativo sull’impennata della curva degli infetti ci sono anche gli assembramenti legati alla movida e la cosiddetta “variante inglese”. (SalernoNotizie).

Ancora morti a Torre Annunziata, la zona rossa non basta: scoppia il panico

Nel comune di Torre Annunziata non si fermano i contagi da Covid-19 e si aggiungono due nuovi morti.

Le vittime sono una donna e un uomo di 76 e 77 anni, aumentano invece i casi di positività in città.

I numeri del Covid a Torre Annunziata

Sono 36 i nuovi casi di contagio da Covid-19 a fronte dei 311 tamponi effettuati. Aumenta l’indice di positività che si attesta all’11,57%.

Per quel che riguarda le guarigioni i numeri parlano di 29 cittadini, mentre il totale degli attualmente positivi al Covid è di 782.

Torre Annunziata – I casi Covid dall’inizio dell’emergenza

Sale a 3.662 il numero delle persone che hanno contratto il Coronavirus a Torre annunziata dall’inizio dell’emergenza, di cui 2.817 guarite e 63 decedute
Leggi anche: De Luca pensa a tutti, nuovi vaccini in arrivo: c’è l’ok per gli avvocati
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo