De Luca: “Il problema è alla radice, servono 50mila vaccini al giorno”

di Rosaria Claudia Romano
1 mese fa
8 Marzo 2021

L’obiettivo di Vincenzo De Luca è quello di porre fine al calvario del Covid-19 entro la fine del 2021. Garantire le forniture di vaccino e vaccinare 50.000 persone al giorno, questo l’intendo del Governatore De Luca.

Le parole di Vincenzo De Luca

“L’obiettivo che abbiamo noi è quello di concludere questo calvario entro il 2021. Se riusciamo a garantirci le forniture, siamo in grado di realizzare almeno 50mila vaccinazioni al giorno, il che significa un milione e mezzo di vaccinazioni al mese.” Solo questo, afferma il Governatore, ci consente di risolvere il problema ed estirpare il male definitivamente.

Oggi Vincenzo De Luca era atteso a Napoli

“Le vaccinazioni sono l’unica soluzione” ha affermato oggi De Luca alla sede di Hitachi Rail di Via Argine, a Napoli. “Non dovremo sempre fare i conti con comportamenti scorretti, con gente che pensa ogni due mesi che il problema sia scomparso, e ricominciamo il calvario ogni due mesi”, ha ammesso severamente.

Tema vaccini in Campania

In Campania accelera la campagna vaccinale e in questo momento si inizia a dare priorità a diverse categorie professionali.

Al momento si sta vaccinando tutta la classe di insegnanti e del personale scolastico, oltre che quello universitario.

Molto presto, probabilmente già nelle prossime settimane altre categorie verranno chiamate presso i presidi di vaccinazione.

Al momento arriva una richiesta forte da parte dei tassisti che chiedono di essere vaccinati per via del loro contatto diretto con il pubblico.

Vaccini: i tassisti sono una categoria a rischio, così il capogruppo della lega Campania

“Includere i tassisti nelle categorie dei lavoratori da vaccinare con priorità dopo i soggetti fragili e, nelle more, provvedere a forniture di Dpi e all’approvazione di ristori economici studiati ad hoc per la categoria.”

E’ quanto ha chiesto il capogruppo della Lega in Consiglio regionale della CAMPANIA, Gianpiero Zinzi, depositando un’interrogazione indirizzata al presidente della Regione Vincenzo De Luca.

“Si tratta di misure che tra l’altro la Regione ha accordato alla categoria nel corso della prima fase della pandemia, poco prima della scadenza elettorale, per questo motivo ora la mancanza di attenzione nei confronti dei bisogni dei tassisti stona ancora di più. Le loro ragioni sono sacrosante”- spiega così Zinzi –
Leggi anche:De Luca: Milano è una città triste, si mangia male;
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo