Connect with us

campania

Terremoto in Campania, 5 scosse fanno tremare la terra di De Luca: cittadini impauriti

Pubblicato

il

Terremoto in Campania, 5 scosse fanno tremare la terra di De Luca: cittadini impauriti

Uno sciame sismico sta interessando in queste ore l’area flegrea. Registrate tra le 16,47 e le 17,30 cinque scosse di terremoto di lieve entità collegate con i fenomeni di innalzamento del suolo del bradisismo flegreo.

Terremoto – L’evento di maggiore intensità

Con epicentro sul versante Nord-Est del vulcano Solfatara, alle ore 16,59 di magnitudo 1,5 della scala Ritcher e profondità 2360 metri.

Terremoto – La scossa

E’ stata avvertita da buona parte dei residenti dell’area adiacente il vulcano e sul dorsale Domitiana e via Campana. Al momento non sono stati registrati danni a persone e cose. (ANSA)

Nel frattempo il virus continua il suo corso in Campania

Stando all’ordinanza di De Luca Lungomare e piazze nella città di Salerno sono chiuse al pubblico, eppure nella mattina di domenica in molto hanno deciso di trasgredire la chiusura.

Piazza caduti di Brescia a Pastena intorno alle 11 si è presentata colma di gente. Nonostante i cartelli ed i nastri della polizia locale che delimitavano il territorio, molti hanno preso possesso della zona.

L’ordinanza di De Luca non è stata rispettata a Salerno

Sono molti quelli che stamattina hanno deciso di prendere possesso delle panchine per scambiare con chiacchiere in Piazza Caduti di Brescia a Pastena, intorno alle 11. Nonostante i divieti che impedissero la sosta nelle piazze e sul Lungomare. (Fonte SalernoNotizie)

Le altre ordinanze del Presidente

L’ordinanza di De Luca e la zona rossa della Campania hanno fatto finire Napoli in un nuovo lockdown.

I genitori no Dad non ci stanno e occupano così “simbolicamente” la Villa Comunale

In queste ultime ore, visti i provvedimenti regionali,  è partito un fiume di protesta da parte di mamme e papà dei comitati No Dad di Napoli.

Tutto questo per manifestare contro l’ordinanza del governatore Vincenzo De Luca, che dispone la chiusura fino al 21 marzo di lungomari, parchi, ville comunali e piazze.

I manifestanti sono giunti a piazza Vittoria sulle loro bici per una pedalata collettiva.

Sui cancelli chiusi della villa comunale, è stato affisso lo striscione: “Un anno senza scuola. Ora anche i parchi. Basta!”

“De Luca non rinunciamo a vivere”. E’ questo il grido di dolore che giunge dalla Villa comunale di Napoli. Una pedalata in sella alle biciclette lungo la citta’ per arrivare a occupare simbolicamente la Villa comunale chiusa.

Hanno manifestato così oggi circa un centinaio di mamme e papà No Dad di Napoli, con i loro figli, contro l’ordinanza del presidente della Regione, Vincenzo De Luca, con cui dall’11 al 21 marzo e’ stata disposta la chiusura di piazze, parchi, giardini e ville comunali e del lungomare.
Leggi anche: Presunta violenza ai danni di una 13enne. Arrestato l’insegnate di 78 anni.
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)