Connect with us

campania

Lavoratori dello stabilimento di Napoli, l’arcivescovo: “La chiesa è con voi”

Pubblicato

il

Lavoratori dello stabilimento di Napoli, l'arcivescovo: "La chiesa è con voi"

Lavoratori dello stabilimento di Napoli, il vescovo: “La chiesa è con voi”. Lo ha detto l’arcivescovo Mimmo Battaglia durante la funzione religiosa all’interno della fabbrica Whirlpool.

Lavoratori Whirlpool, non siete soli

“Quello di oggi e’ un segno piccolo, che pero’ vuole sottolineare tutta la vicinanza mia e della Chiesa a ciascuno di voi: noi ci siamo, siamo accanto a voi”.

Lo ha detto l’arcivescovo di NAPOLI Mimmo Battaglia aprendo la sua omelia durante la celebrazione eucaristica che si sta svolgendo all’interno della fabbrica Whirlpool di via Argine.

Don Battaglia si e’ rivolto ai lavoratori, spiegando che la sua presenza “in questa fabbrica, nella quale entro con umiltà, e’ per dirvi che la Chiesa e’ con voi e condivide la vostra sofferenza”.

“Insieme a voi la Chiesa chiede che si cerchino senza indugio strade da percorrere per trovare soluzione capaci di dare serenita’ a voi; alle vostre famiglie e ai vostri figli per riaccendere il sorriso e la speranza”.

“La mia presenza qui ha un motivo”

“Mentre mi preparavo ho letto una frase molto bella sulla bacheca, c’era scritto ‘la vita di ogni essere umano vale piu’ di tutto l’oro dell’uomo piu’ ricco del mondo’; In questa frase c’e’ il senso della mia presenza qui oggi”, ha detto l’arcivescovo Domenico Battaglia.

In una sala con circa cento dipendenti, Battaglia ha sottolineato: “Ho voluto essere qui nel primo giorno della settimana santa. La cosa piu’ importante e’ stare accanto alla santita’ delle lacrime che sono sacre e accanto alle infinite croci di oggi dove continua a essere crocifisso Cristo”.

“Qui Cristo continua a essere crocifisso, nella vostra carne e nella vostra vita si ripete la passione di Cristo. Io sono qui per stare accanto alle vostre lacrime sacre e portare sull’ altare della vostra vita la presenza, la condivisione e il conforto”.

Infine, l’arcivescovo ha detto: “Su questo altare voglio portare ansie e preoccupazioni del vostro cuore ma anche la speranza e porla nel cuore di Dio”.
Leggi anche: Ingiurie, offese e parolacce per il cane: panico nella casa del Signore nell’Avellinese
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)