Nessuno stop per AstraZeneca, arriva la circolare di Speranza. “Via con le seconde dosi”

di Rosaria Claudia Romano
5 giorni fa
7 Aprile 2021

Il numero di casi rari di trombosi per la carenza di piastrine accertati dopo la vaccinazione con AstraZeneca è stato “superiore alle attese” tra le persone con meno di 60 anni, mentre è stato “inferiore” o in linea con le statistiche per gli over 60. Alla luce di queste motivazioni l’Italia ha deciso: “raccomandare l’uso preferenziale” del siero solo per chi ha più di 60 anni, un’indicazione su cui potrebbero convergere anche gli altri Paesi europei in base al principio della “massima precauzione”.

Nessuno stop per AstraZeneca

Lo ha spiegato il presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Cts, Franco Locatelli. Nel corso della lunga conferenza stampa

La questione è molto semplice. Chi si trova sotto la nuova soglia di età ma ha già ricevuto la prima dose, non deve preoccuparsi:

“Al momento non ci sono elementi per scoraggiare la somministrazione del richiamo“, dichiara Locatelli. “Gli episodi di trombosi rare sono stati osservati solo dopo la prima iniezione, non la seconda”. Nelle prossime ore è attesa una circolare del Ministro speranza con tutti i dettagli da seguire.

AstraZeneca, la situazione a livello europeo

Non è stata presa alcuna decisione a livello europeo, ma fonti dell’Ansa fanno sapere che al momento si cerca un accordo in questo senso.

Nel pomeriggio, infatti, si è svolto un vertice straordinario dei ministri della Salute Ue con l’obiettivo di individuare una posizione possibilmente unitaria nella campagna di somministrazione di massa. In questo modo è possibile “combattere la disinformazione” e “rafforzare la fiducia dei cittadini nei vaccini anti-Covid”.

La commissaria alla salute Ue, Stella Kyriakides, durante l’incontro tra i ministri ha rivendicato il fatto che “l’esperienza di AstraZeneca dimostra che il nostro sistema di farmacovigilanza funziona. Adesso, però, “è essenziale che seguiamo un approccio coordinato in tutta l’Unione Europea: dobbiamo parlare con una sola voce per aumentare la fiducia del pubblico nelle vaccinazioni”.

Altri paesi abbassano la soglia

Il primo Paese ad ufficializzare la decisione è stato il Belgio, che ha fissato un’asticella leggermente più bassa ferma l’utilizzo di Astrazeneca sotto i 56 anni. (Ilfattoquotidiano)
Leggi anche: E’ svolta sulla Cittadinanza per Patrick Zaki. Il Pd presenta la mozione e vince
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo