De Luca: “Zona rossa è una presa in giro. Ora basta qua si fa a modo mio”

di Irene Viturri
1 mese fa
12 Aprile 2021

De Luca si ribella e punta il dito contro lo Stato. “In Italia lo Stato non esiste e quando diciamo zona rossa è una presa in giro”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, questa mattina in visita a Benevento.

“Il ristoratore – ha aggiunto De Luca – va in mezzo alla strada e trova migliaia di persone in giro senza mascherina e senza nessuno che controlli. Poi ha il diritto di arrabbiarsi”.

De Luca sul turismo

Ho appena detto al commissario Figliuolo che, una volta completati gli ultra ottantenni e i fragili, noi non intendiamo procedere per fasce di eta’”. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine dell’inaugurazione di uno sportello per le imprese al centro per l’Impiego di Benevento, fissa le priorita’ per la campagna vaccinale.

“Se decidiamo di andare avanti solo per fasce di eta’, quando avremo finito – aggiunge De Luca – l’economia italiana sara’ morta. Dobbiamo privilegiare un comparto importante dell’economia che e’ quello turistico e non possiamo vaccinare ad agosto”.

Nei piani di De Luca

Le strutture pubbliche proseguiranno la campagna vaccinale per anziani e fragili, “ma ci sara’ un’altra parte delle strutture pubbliche che si impegnera’ a vaccinare un’altra parte dei settori economici”.

E ancora

“Se per aprile non arrivano in Campania i duecentomila vaccini in meno che ci hanno sottratto nei tre mesi che abbiamo alle spalle prenderemo misure clamorose: non parteciperemo piu’ alle riunioni della conferenza Stato – Regioni perche’ non intendiamo piu’ essere presi in giro.

Bisogna superare il primo scandalo che e’ la mancata distribuzione vaccini in Campania ed e’ una vergogna che la regione con la piu’ alta densita’ abitativa in Italia abbia meno vaccini di altre regioni”.

“La Campania dovrebbe ricevere il 9,6% di vaccini in base alla popolazione, ne riceve il 7,2%. Siamo l’ultima regione a ricevere vaccini rispetto alla popolazione e questo e’ uno scandalo. E’ evidente che questo determina un rallentamento”.
Leggi anche: Da oggi quasi tutta Italia in arancione, tranne la Campania e altre tre Regioni. Speranza: “Non bruciare le tappe”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo