Afragola piange Francesco, morto in un tragico incidente a Trento: stava andando a lavoro insieme al fratello

di Irene Viturri
2 mesi fa
23 Aprile 2021

Afragola piange Francesco, morto a Trento. Il giovane stava andando al lavoro in un noto albergo della zona.

Afragola – L’incidente

Con lui sulla moto il fratello di 23 anni, ferito in maniera non grave e che è ricoverato all’ospedale Santa Chiara.

Afragola – Secondo le prime ricostruzioni

Francesco Esposito era il conducente della moto con in sella anche il fratello e stava guidando in direzione sud.

Il giovane di Afragola

Ha perso il controllo del mezzo alla curva che poi attraversa la galleria Doss Trento. A quel punto il veicolo e i due fratelli sono finiti a terra in maniera violenta.

I soccorsi di Afragola

Nonostante il tempestivo intervento della macchina dei soccorsi, Francesco Esposito è morto: troppo gravi le ferite per il ragazzo originario di Afragola ma residente da tempo alla Vela.

Il fratello di 23 anni invece è stato immobilizzato e stabilizzato dall’equipe medica, quindi è stato trasferito all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Ucciso a Torre Annunziata per un parcheggio: arrestati gli assassini di Maurizio

Torre Annunziata. Quattro persone sono state fermate nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Maurizio Cerrato, avvenuto lo scorso lunedì 19 a Torre Annunziata, nel Napoletano.

Omicidio Torre Annunziata – I carabinieri del Comando provinciale di Napoli

Hanno eseguito un decreto di fermo, emesso dalla procura della Repubblica oplontina, nei confronti di indagati ritenuti responsabili di omicidio.

I quattro sono rinchiusi nel carcere di Poggioreale a Napoli

Cerrato, incensurato 61enne custode del Parco archeologico di Pompei, prima aggredito con un compressore portatile e poi accoltellato per una lite nata, con molta probabilità, a causa di un parcheggio.

Le indagini

Proseguono senza sosta le indagini dei carabinieri per trovare l’autore dell’omicidio di Maurizio Cerrato, il 61enne ucciso lunedì sera a Torre Annunziata con una coltellata al petto, dopo essere stato colpito alla testa con un compressore portatile.
Leggi anche: Uccide il padre per difendere la madre. Alex aveva chiesto aiuto allo zio, ma non fece nulla. Rischia 20 anni
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo