Connect with us

camorra

Maxi operazione anti camorra a Napoli: sequestri e manette per i clan

Pubblicato

il

Napoli – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestatato 26 persone, gravemente indiziate.

Questa maxi operazione nelle province di Napoli, Salerno, Imperia, Cosenza, Ancona e Reggio Emilia.

Un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dall’ufficio Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura di Napoli

Tali individui sono rei di far parte di due distinte organizzazioni criminali operanti su Poggiomarino e nei comuni limitrofi, in lotta tra loro per il  territorio.

La base operativa a Poggiomarino per il controllo del territorio

Al sodalizio storicamente presente su quel territorio, riconducibile al clan Fabbrocino, si è affiancata e contrapposta una nuova entità criminale.

Questo con l’obiettivo di ricercare autonomi spazi delinquenziali.

In tale contesto, sono state documentate attività connesse con numerose estorsioni e intimidazioni, anche con esplosi dei colpi d’arma da fuoco;

un importante traffico di sostanze stupefacenti, accertando canali di approvvigionamento anche con le ‘ndrine calabresi.

Contestualmente, è in atto un sequestro preventivo di beni e rapporti finanziari per un valore complessivo stimato in circa 50 milioni di euro.

Napoli – Tanti i legami con gli altri clan

I clan di Poggiomarino, nel Napoletano, e i loro legami con le ‘ndrine nel traffico di droga.

C’è anche questo in una indagine dei carabinieri di Napoli che ha portato a misure cautelari per 26 persone e a un sequestro beni per 50 milioni di euro.

Le misure, emesse dal gip di Napoli, riguardano, a vario titolo, due distinte organizzazioni criminali attive a Poggiomarino e nei comuni limitrofi, in lotta tra loro per l’egemonia sul territorio, una storicamente riconducibile al clan Fabbrocino, e un’altra nuova e alla ricerca di autonomi spazi.

Entrambe hanno commesso numerose estorsioni e intimidazioni, anche con esplosione di colpi d’arma da fuoco;

dato vita a un consistente traffico di sostanze stupefacenti, accertando canali di approvvigionamento anche con la ‘ndrangheta.
Leggi anche: “I debiti si ora si pagano”, si va verso la bocciatura della pace fiscale
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Ttibunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)