Connect with us

camorra

Stese e estorsioni nella “paranza dei bambini” a Napoli: è scacco al clan, il maxi blitz all’alba

Pubblicato

il

sangue

Stese e Estorsioni – Durissimo colpo dei carabinieri al clan “Sibillo”, uno dei gruppi camorristici del centro di Napoli, retto tra il 2013 e il 2015 dai fratelli Pasquale ed Emanuele Sibillo.

Quest’ultimo facente parte della cosiddetta “paranza dei bambini”, giovanissimi diventati, a tempo di record, baby killer e baby boss.

Camorra: “scacco” al clan Sibillo, 21 arresti a Napoli

Dalle prime luci dell’alba i militari del Comando Provinciale hanno arrestato 21 persone accusate a vario titolo.

Tra cui associazione di tipo mafioso, estorsione, ricettazione, spaccio di sostanze stupefacenti, sfruttamento della prostituzione;

altri reati come detenzione e porto abusivo di armi da fuoco con le aggravanti delle finalità mafiose.

Anche “strategia della tensione” per depistare carabinieri e Direzione Distrettuale Antimafia”

Documentata, tra l’altro, una vera e propria “strategia della tensione” finalizzata a fare in modo che DDA e forze dell’ordine si concentrassero sui clan rivali.

E’ stata poi chiarita anche un’escalation di richieste estorsive, esplosioni di ordigni e colpi d’arma da fuoco a fini intimidatori;

cosa che hanno messo a dura prova la quotidianità del centro storico, tutto nell’ambito dei contrasti sorti con il clan “Mazzarella”.

A farne le spese sono stati gli esercenti delle attività del centro, pizzerie ed esercizi commerciali, costretti a subire le richieste estorsive, i raid e le violenze.

I fatti su arresti, stese e estorsioni

Gli arrestati sono ritenuti gravemente indiziati dei delitti di associazione di tipo mafioso, estorsione, ricettazione, spaccio di sostanze stupefacenti;

sfruttamento della prostituzione, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco con le aggravanti delle finalità mafiose.

Ulteriori dettagli saranno forniti alle ore 10.30, durante una conferenza stampa online promossa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.
Leggi anche: Ospedali al collasso nella terra di De luca: “Mio padre lasciato solo per 5 ore su una sedia in attesa di trasfusione”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Ttibunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)